Criteri di appropriatezza dell'accesso ai ricoveri di riabilitazione ospedaliera

  • Antonello Viti De Angelis
  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Ministero della Salute

Criteri di appropriatezza dell'accesso ai ricoveri di riabilitazione ospedaliera

Pubblicato il Decreto ministeriale del 05 agosto 2021

È online il Decreto Ministeriale 5 agosto 2021 "Criteri di appropriatezza dell’accesso ai ricoveri di riabilitazione ospedalieri”.

Il Decreto, al fine di perseguire la finalità di efficientamento e razionalizzazione delle risorse disponibili e al contempo di promuovere qualità ed esiti positivi nei trattamenti riabilitativi afferenti al setting di ricovero ospedaliero, definisce i criteri di appropriatezza dell’accesso ai ricoveri di riabilitazione ospedaliera dei pazienti adulti (codice 56, codice 75 e codice 28) di tipo neurologico, pneumologico, cardiologico, ortopedico (MDC 1-4-5-8).

La metodologia definita nel Decreto prevede un periodo di sperimentazione della durata di un anno, a seguito della adozione della SDO riabilitativa da parte del Ministero della salute e dell’adeguamento dei sistemi informatici regionali. Fino alla fine della sperimentazione, per tutte le finalità amministrative restano in vigore le norme nazionali e/o regionali in essere in merito alla riabilitazione ospedaliera in tutti i setting codice 56, 28 e 75.

Il Decreto è stato predisposto in osservanza di quanto sancito nell’Intesa tra il Governo, le Regioni e Province Autonome di Trento e di Bolzano, articolo 8, comma 6 della legge 5 giugno 2003 n. 131, concernente la manovra sul settore sanitario o (Rep. Atti n. 113/CSR del 2 luglio 2015), alla lettera B “Appropriatezza”, ed in particolare alla lettera B.2 “Riduzione dei ricoveri di riabilitazione ad alto rischio di inappropriatezza” e dell’articolo 9-quater, comma 8, del decreto legge 19 giugno 2015 n. 78, convertito con modificazioni nella legge 6 agosto 2015, n. 125 “Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali. Disposizioni per garantire la continuità dei dispositivi di sicurezza e di controllo del territorio. Razionalizzazione delle spese del Servizio Sanitario Nazionale nonché norme in maniera di rifiuti e di emissioni industriali”.

Il Decreto tiene altresì conto di quanto previsto dall’Intesa tra il Governo, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano in Conferenza Stato Regioni nella seduta del 10 luglio 2014 concernente il Patto per la salute per gli anni 2014-2016, in particolare dell’articolo 3, comma 3 (Rep. Atti n. 82/CSR del 10 luglio 2014).

- Riproduzione riservata e per uso personale
- Scarica il documento completo in formato PDF dal link a fondo pagina