Criteri della RM per i pazienti con “prognosi fausta” nel tumore del retto

  • Kennedy ED & al.
  • JAMA Oncol
  • 11/04/2019

  • Emily Willingham, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I criteri della RM selezionano in modo efficace i pazienti affetti da tumore del retto con “prognosi fausta” che potrebbero essere sottoposti a chirurgia primaria tralasciando la chemioradioterapia preoperatoria.
  • Gli autori affermano che la chemioradioterapia preoperatoria potrebbe non essere necessaria in tutti i tumori del retto in stadio II/III.

Perché è importante

  • La raccomandazione attuale prevede per il tumore del retto in stadio II/III l’uso di chemioradioterapia prima del trattamento chirurgico, approccio che riduce il rischio di recidiva locale ma che non offre alcun miglioramento della sopravvivenza o degli esiti funzionali.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 2, prospettico, non randomizzato, multicentrico Quicksilver ; 82 pazienti con tumore di nuova diagnosi, in Canada, nel periodo dal 30 settembre 2014 al 21 ottobre 2016.
  • Criteri della RM per le lesioni con “prognosi fausta”:
    • distanza dalla fascia mesorettale >1 mm;
    • profondità di invasione extramurale
    • invasione venosa extramurale assente o ambigua.
  • I pazienti con tumori identificati come aventi “prognosi fausta” sono stati sottoposti unicamente a chirurgia primaria.
  • Esito: percentuale di pazienti nello studio con tasso di margine circonferenziale positivo.
  • Finanziamento: Mount Sinai Hospital, Innovation Fund dell’Academic Medical Organization dell’University Health Network.

Risultati principali

  • Risultati istopatologici finali per i tumori identificati mediante i criteri della RM:
    • 91% in stadio T2 o superiore;
    • 29% con linfonodi positivi;
    • 59% in stadio II/III.
  • Tasso di margine circonferenziale positivo: 4 su 82 (4,9%; IC 95%: 0,2%–9,6%).
  • L’88% dei pazienti con tumori in stadio II/III non ha ricevuto alcuna forma di chemioterapia.

Limiti

  • Centri ad alto volume, medici molto esperti, generalizzabilità non chiara.