CRC: la sorveglianza intensiva dopo la resezione non migliora la sopravvivenza

  • Lepage C.
  • ESMO
  • 19/09/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La sorveglianza intensiva mediante test dell’antigene carcino-embrionario (carcinoembryonic antigen, CEA) ed esami di tomografia computerizzata (TC) dopo la resezione del tumore colorettale (colorectal cancer, CRC) non migliora la sopravvivenza complessiva o libera da recidiva rispetto al monitoraggio standard mediante ecografia addominale e radiografie del torace.
  • Questi risultati sono stati presentati al Congresso Virtuale 2020 della European Society for Medical Oncology.

Perché è importante

  • I risultati suggeriscono la necessità di modificare le linee guida che prevedono monitoraggio con TC e CEA e che i metodi standard di sorveglianza devono essere l’ecografia e radiografie toraciche.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione randomizzata, multicentrica PRODIGE 13.
  • 1.995 pazienti con CRC sottoposto a trattamento chirurgico con intento curativo sono stati assegnati mediante doppia randomizzazione a:
    • monitoraggio radiologico intensivo rispetto a un monitoraggio standard e valutazione del CEA rispetto a mancata valutazione del CEA.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Il 52% dei pazienti presentava malattia in stadio II.
  • Follow-up mediano di 6,5 anni.
  • Non sono state osservate differenze significative tra i gruppi di sorveglianza in termini di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS; P=0,340) o sopravvivenza libera da recidiva (P=0,473) a 5 anni.
  • Tassi di resezione secondaria:
    • 66,3% con diagnostica per immagini standard e CEA;
    • 59,5% con TC più CEA;
    • 50,7% con TC ma senza CEA; 
    • 40,9% con diagnostica per immagini standard e senza CEA (P=0,0035).
  • Tassi di resezione secondaria con intento curativo:
    • 57,9% con diagnostica per immagini standard e CEA;
    • 47,8% con TC più CEA; 
    • 55% con TC ma senza CEA; 
    • 42,9% con diagnostica per immagini standard e senza CEA.

Limiti

  • Lo studio è tuttora in corso.