Covid, riunita Unità di crisi: test da Cina per evitare diffusione nuove varianti

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 30 dic. (Adnkronos Salute)() - Valutare l'andamento della campagna di testing adottata in seguito alla grande diffusione del virus Sars-Cov-2 in Cina. Un'attività che punta a rispondere alla necessità di evitare che possano diffondersi in Italia possibili nuove varianti derivanti dalla ripresa del fenomeno pandemico nel gigante asiatico. E' stato questo l'obiettivo con cui si è riunita oggi, sotto la presidenza del ministro della Salute, Orazio Schillaci, l'Unità di Crisi.

E dalle prime attività di screening mirate al sequenziamento del genoma del virus, svolte presso gli aeroporti di Lazio e Lombardia, si conferma che non sono risultate nuove varianti di Sars-CoV-2 rispetto a quelle già presenti in Italia, si legge in una nota diffusa dal ministero in cui si sottolinea inoltre che i dati epidemiologici confermano come in Italia si registri ormai da tempo una tendenza al miglioramento di tutti gli indicatori.