Covid, ok Camera odg per ristori a familiari medici deceduti

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 17 feb. (Adnkronos Salute) - Con un'ampia maggioranza, 400 voti a favore e 18 contrari, la Camera ha approvato un Ordine del giorno presentato da Fabio Rampelli, di Fratelli d'Italia, che impegna il Governo "ad assumere ogni iniziativa di competenza al fine di riconoscere un equo indennizzo ai famigliari dei sanitari non in regime di rapporto di lavoro dipendente, inclusi gli specialisti ambulatoriali e i professionisti pensionati tornati in servizio volontariamente, che, in conseguenza dell'attività prestata nel periodo di massima emergenza epidemica, siano deceduti a seguito di infezione da SarS-CoV-2". Nel testo è stata inserita una riformulazione chiesta dal Governo che subordina l'accettazione dell'impegno alla compatibilità "con i vincoli di finanza pubblica".

Nelle premesse del documento si ricorda che "nulla è stato fatto per riconoscere un dovuto ristoro alle famiglie dei sanitari morti per Covid, posto che, al momento, gli indennizzi sono garantiti dall'Inail solo ai medici dipendenti del Sistema sanitario nazionale, mentre tutti gli altri professionisti, guardie mediche, medici di famiglia, dentisti e specialisti, ambulatoriali e pensionati, riceveranno solo piccoli rimborsi tramite assicurazioni private, qualora sottoscritte".