Covid, occupazione intensive Italia al 6%, un anno fa era al 29%

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 8 mar. (Adnkronos Salute) - L'occupazione da parte di pazienti Covid-19 nelle terapie intensive degli ospedali italiani è, in media, pari al 6%, dato in costante discesa e da 3 giorni stabile su questa percentuale, secondo i gli ultimi dati, aggiornati a ieri, dell'Agenzia per i servizi sanitari regionali (Agenas). Esattamente un anno fa, il 7 marzo 2021, la percentuale era del 29%.

Per quanto riguarda la 'geografia' dell'occupazione dei reparti di rianimazione, l'unica regione che si pone sopra la soglia critica del 10% è la Sardegna (al 13%), mentre il Lazio è proprio sulla soglia (10%). Le restanti regioni e province autonome hanno percentuali inferiori, la più bassa si registra nella provincia di Bolzano che è all'1%.