Covid, arrestato medico nel torinese per falsi certificati esenzione vaccino

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Torino, 28 mar. - (Adnkronos Salute) - Dovrà rispondere di errore determinato dall’altrui inganno e falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici un medico di Borgaro Torinese arrestato questa mattina dai carabinieri del Nas di Torino su disposizione del gip del Tribunale torinese. Le indagini, coordinate dalla procura del capoluogo piemontese, sono state avviate nel settembre 2021, quando il medico aveva manifestato pubblicamente le sue idee contrarie al vaccino anti Covid ed era emerso un assembramento anomalo di utenti in coda all’esterno dello studio medico del piccolo centro della cintura del capoluogo piemontese.

Nei confronti del medico, il gip ha ritenuto sussistenti i gravi indizi di colpevolezza ed il concreto pericolo di reiterazione del reato in relazione al rilascio di un numero indeterminato di certificati medici di esenzione o differimento dalla vaccinazione Covid-19, in assenza del requisito essenziale relativo al possedimento della qualifica di medico vaccinatore nell’ambito della campagna di vaccinazione al Covid-19, qualifica ricoperta dal medico solo per un brevissimo lasso temporale intercorso dall’ottenimento delle fiale ad ottobre 2021 fino alla data di revoca della convenzione con il Ssn disposta quale provvedimento disciplinare dall’Asl di competenza TO4.

Inoltre, in ipotesi accusatoria la condotta del medico è stata ritenuta lesiva degli interessi delle pubbliche amministrazioni che tramite i suoi certificati sarebbero state indotte in errore sulla sussistenza di idonee condizioni di sicurezza per l’ammissione al servizio di diversi professionisti soggetti all’obbligo vaccinale, personale sanitario, scolastico o appartenente alle forze dell’ordine, i quali avrebbero cercato  di evitare di essere sottoposti al provvedimento di sospensione dal servizio attestando contrariamente al vero l’incompatibilità di talune patologie con il vaccino Covid-19.