Covid, al via sussidi Enpam-Bankitalia per figli medici morti

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 17 mar. (Adnkronos Salute) - Sono aperti i termini per presentare sul sito dell’Enpam le domande relative alle borse di studio e agli assegni di mantenimento attivati dalla Banca d’Italia attraverso un fondo gestito dall’Enpam e istituito in favore dei familiari dei medici e degli odontoiatri deceduti a causa del Covid. Lo rende noto l'Ente nazionale di previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri, ricordando che il via libera a questo bando è il frutto di una convenzione, firmata a ottobre del 2021, da Banca d’Italia ed Enpam, della durata di 5 anni, rinnovabile alla scadenza. Ogni anno verranno erogate borse di studio ai figli superstiti, in età scolare o universitaria fino a 26 anni, di camici bianchi che hanno perso la vita dopo aver contratto il Covid-19 durante lo stato di emergenza.

Il valore delle singole erogazioni sarà il seguente: 500 euro per la scuola primaria, 700 euro per la scuola secondaria inferiore, 1.000 euro per la scuola secondaria superiore e 1.500 euro per l’Università o equiparate. Da notare che queste borse di studio saranno cumulabili con sussidi analoghi erogati dalla Fondazione Enpam o da altri enti, amministrazioni o società. In presenza invece di figli inabili o laddove emergano situazioni di difficoltà sociale ed economica dei superstiti sempre di medici od odontoiatri deceduti durante la pandemia - precisa l'Enpam - lo stesso bando prevede che siano erogati degli assegni di mantenimento, sempre annuali, del seguente importo: 2.500 euro per ciascun figlio superstite inabile e 2.500 euro per il coniuge o per ciascun figlio superstite in acclarato disagio economico o stato di bisogno (Isee del nucleo familiare inferiore a 25mila euro). I due assegni saranno cumulabili in caso di figlio superstite inabile e in acclarato stato di bisogno.

Le domande per le borse di studio e per gli assegni di mantenimento, che dovranno essere ripresentate ogni anno, potranno essere trasmesse unicamente per via informatizzata attraverso il sito dell’Enpam. A questo proposito i superstiti dei camici bianchi deceduti, dovranno innanzitutto registrarsi online per accedere all’area riservata. Una volta fatta questa operazione, seguendo le istruzioni, potranno compilare il questionario relativo al bando di Banca d’Italia. L’Enpam invierà poi tramite mail all’interessato comunicazione dell’esito della domanda.