COVID-19 – Quali legami tra diabete e mortalità legata a COVID-19?


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Con l’arrivo della pandemia di COVID-19 si è assistito a un incremento dei decessi in pazienti con diabete di tipo 1 (DM1) e tipo 2 (DM2) in Inghilterra rispetto ai tre anni precedenti.
  • La mortalità legata a COVID-19 è associata alle complicazioni cardiovascolari e renali in pazienti con DM1 e DM2.
  • Esiste anche un’associazione indipendente tra emoglobina glicata e mortalità legata a COVID-19 in questi pazienti.
  • In questa popolazione si osserva inoltre una associazione tra mortalità da COVID-19 e obesità o sottopeso.
  • Nel corso di questa pandemia è ancora più importante potenziare i servizi che supportano i pazienti nel raggiungimento dei loro obiettivi terapeutici.

Descrizione dello studio

  • Lo studio di coorte ha incluso pazienti con diagnosi di DM1 e DM2 e registrati presso un medico di base in Inghilterra.
  • I dati sul diabete raccolti dal National Diabetes Audit sono stati collegati con quelli sulla mortalità raccolti dall’Office for National Statistics.
  • Sono stati registrati i numeri di decessi settimanali in pazienti con DM1 e DM2 nelle prime 19 settimane del 2020 e sono stati confrontati con quelli del corrispondente periodo nel 2017, 2018 e 2019.
  • Modelli di Cox a rischi proporzionali sono stati utilizzati per valutare le associazioni tra fattori di rischio [inclusi sesso, età, deprivazione socioeconomica, emoglobina glicata (HbA1c), disfunzioni renali, indice di massa corporea (IMC), fumo e comorbilità cardiovascolari] e la mortalità legata a COVID-19.

Risultati principali

  • Rispetto alla media dei tre anni precedenti (2017-2019), i decessi settimanali in Inghilterra sono aumentati del 50,9% nei pazienti con DM1 e del 64,3% in quelli con DM2.
  • Sui decessi totali registrati per tutte le cause (1.604 con DM1 e 36.291 con DM2), rispettivamente 464 e 10.525 sono stati definiti come legati a COVID-19. 
  • Di questi, il 62,3% e il 55,4%, rispettivamente, si sono presentati in persone con una storia di malattia cardiovascolare o disfunzione renale (eGFR
  • I fattori legati a incremento del rischio di mortalità da COVID-19 in pazienti con DM1 e con DM2 includono sesso maschile, età più avanzata, razza non bianca, deprivazione socioeconomica e precedente storia di ictus e scompenso cardiaco.
  • Persone con livelli di HbA1c uguali o superiori a 10,0% hanno mostrato una mortalità più elevata da COVID-19 rispetto a quelli con valori di 6,5-7% (hazard ratio [HR] 2,23 e P
  • Nel DM1, rispetto ai pazienti sovrappeso (IMC 25-29,9 kg/m2), quelli con IMC inferiore a 20,0 kg/m2 hanno mostrato un HR di 2,45 (P
  • I corrispondenti HR per il DM2 sono stati 2,33 (P

Limiti dello studio

  • Non per tutti i decessi erano disponibili valutazioni dello status di infezione da SARS-CoV-2.

Perché è importante

  • Diabete, malattia cardiovascolare e ipertensione sono le comorbilità croniche più comuni nelle persone con COVID-19 grave.
  • Conoscere in dettaglio l'associazione tra fattori di rischio modificabili come obesità e iperglicemia e la mortalità legata a COVID-19 nella popolazione diabetica permetterebbe di mettere in campo strategie mirate di prevenzione e controllo.