COVID-19: l’NCCN raccomanda una quinta dose di vaccino per i pazienti oncologici

  • NCCN
  • NCCN

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il National Comprehensive Cancer Network (NCCN) statunitense raccomanda una quinta dose del vaccino anti-COVID-19 a mRNA per i soggetti immunocompromessi, compresi i pazienti oncologici o con un’anamnesi di tumore.

Punti salienti

  • L’aggiornamento proviene dal Comitato consultivo su vaccinazione e profilassi pre-esposizione per la COVID-19 (Advisory Committee on COVID-19 Vaccination and Pre-exposure Prophylaxis) dell’NCCN, che ha pubblicato le prime linee guida sulla vaccinazione dei pazienti oncologici nel gennaio 2021.
  • Da allora, sono seguiti diversi aggiornamenti, in parallelo all’evoluzione dei dati sul virus e sui vaccini.
  • Il comitato dell’NCCN ha chiarito che una quinta dose di un vaccino a mRNA rappresenta un secondo richiamo, poiché la serie di immunizzazione primaria con il vaccino a mRNA per i soggetti immunocompromessi prevede 3 dosi di vaccino.
  • Il comitato ha inoltre pubblicato un aggiornamento per chi ha ricevuto il vaccino anti-COVID-19 a dose singola Johnson & Johnson, che include la raccomandazione di somministrare ai pazienti un vaccino a mRNA per entrambe la prima e la seconda dose di richiamo.
  • Secondo il comitato, per la quinta dose sono adatti richiami sia omologhi sia eterologhi, il che significa che i vaccini Moderna e Pfizer possono essere utilizzati in modo intercambiabile.