COVID-19: le pazienti con tumori ginecologici presentano un rischio più alto di esiti avversi

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Le pazienti con tumori ginecologici e COVID-19 presentano un rischio più alto di ricovero ospedaliero, ritardi del trattamento oncologico e decesso. Un tumore maligno attivo è associato a un rischio 5 volte più alto di mortalità a 30 giorni dopo la diagnosi di COVID-19.

Perché è importante

  • Gli autori affermano che “Questi risultati creano un senso di urgenza dell’ulteriore esplorazione degli esiti oncologici a lungo termine delle pazienti oncologiche ginecologiche con diagnosi di COVID-19, nonché degli effetti della razza sugli esiti oncologici e della COVID-19 in questa popolazione”.

Disegno dello studio

  • Studio di 348 pazienti affette da tumori ginecologici e con infezione COVID-19.
  • Finanziamento: Society of Gynecologic Oncology.

Risultati principali

  • 125 pazienti presentavano un tumore maligno attivo al momento della diagnosi di COVID-19.
  • Il 28% delle pazienti ha riferito un ritardo o l’interruzione del trattamento oncologico a causa dell’infezione COVID-19.
  • Il ritardo mediano del trattamento oncologico è stato di 3–4 settimane.
  • Chemioterapia (60%) e trattamento chirurgico (38%) sono risultati i trattamenti oncologici che hanno subito i maggiori ritardi.
  • I fattori di rischio indipendenti di ricovero ospedaliero sono risultati:
    • età (aOR=1,17; P=0,006);
    • razza (caucasica vs. non caucasica; aOR=2,95; P=0,001);
    • diabete mellito (aOR=2,81; P=0,003);
    • embolia polmonare (aOR=3,55; P=0,02);
    • tumore maligno attivo (aOR=2,26; P=0,009).
  • Un tumore maligno attivo è risultato associato a un rischio significativamente maggiore di mortalità entro 30 giorni dalla diagnosi di COVID-19 (OR=4,65; P=0,005).
  • Complessivamente, il 5% delle pazienti è deceduto entro 30 giorni dalla diagnosi di COVID-19 e l’8% delle pazienti ricoverate è deceduto a causa di complicanze della COVID-19 entro 30 giorni dalla diagnosi di COVID-19.

Limiti

  • Studio retrospettivo.
  • Follow-up limitato.