COVID-19 In giro per il mondo i punti salienti della settimana: nuove regole per i non vaccinati, ritorno a scuola e tassi di vaccinazione...

  • Claudia Bravo
  • Medical News
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

A causa rapida evoluzione della pandemia di COVID-19, noi di Medscape vorremmo condividere con voi gli articoli di maggior impatto e clinicamente rilevanti segnalati dalla nostra rete editoriale la scorsa settimana.

Questa è un'istantanea delle migliori pratiche emergenti durante una pandemia in rapida evoluzione. Tutte le informazioni attualmente disponibili relative a COVID-19 sono soggette a modifiche man mano che si rendono disponibili ulteriori dettagli. Alcune delle informazioni che seguono possono anche essere in contraddizione con quanto suggerito dalle autorità sanitarie locali o globali.

Nonostante un calo delle infezioni nel Regno Unito, i tassi di COVID-19 rimangono alti e gli scienziati non sono ancora sicuri che il Paese abbia superato il picco dell'attuale ondata.

Il professor Andrew Pollard, direttore dell'Oxford Vaccine Group, ha affermato che l'immunità di gregge "non è una possibilità" con l'attuale variante Delta. "Chiunque non sia ancora vaccinato, a un certo punto, incontrerà ancora il virus", ha ammonito. C'è anche la possibilità che il virus potesse sviluppare una variante più infettiva per le persone già vaccinate, ha detto.

A oggi, più del 75% degli adulti del Regno Unito ha ricevuto entrambe le dosi di vaccino, ma Public Health England ha detto che ci sono i primi segnali che le persone che sono state vaccinate contro il COVID-19 possono anche essere in grado di trasmettere la variante Delta,

 

In Belgio, il più grande centro di vaccinazione della capitale ha ora chiuso, mentre la campagna di vaccinazione si conclude. A Bruxelles, il 50% delle persone tra i 18 e i 44 anni ha ricevuto finora una prima dose di vaccino contro il coronavirus e il 41% è completamente vaccinato. La Commissione del comune di Bruxelles (Cocom) dice che raggiungere i più giovani continua a essere una sfida. Il governo federale ha raggiunto un accordo per sovvenzionare le visite da uno psichiatra per chiunque in Belgio abbia problemi di salute mentale a causa della crisi COVID-19.

 

In Francia, il pass sanitario - che condiziona l'ingresso nella maggior parte dei locali pubblici e in certi luoghi privati come i ristoranti dietro presentazione - è entrato in vigore il 9 agosto, dopo la convalida di quasi tutte le misure da parte del Consiglio costituzionale. L'epidemia continua a imperversare nelle regioni più meridionali del paese: Corsica, PACA, Occitania e Nuova Aquitania, una regione aggiuntiva rispetto alla settimana precedente che ha fatto scattare il piano per liberare i letti d’ospedale. I territori d'Oltremare sono totalmente sopraffatti. Rinforzi di personale sanitario sono stati inviati in Martinica e Guadalupa (Antille francesi); la Polinesia è ora gravemente colpita e l'epidemia sta riprendendo in Guyana francese - regioni che hanno in comune il basso tasso di vaccinazioni.

Inoltre il CEO di Sanofi France ha invitato a non aspettare il vaccino della ditta francese - che non dovrebbe essere disponibile prima della fine del 2021 - per essere vaccinati. Alcuni francesi resistenti alla vaccinazione, infatti, spiegano di preferire un vaccino "francese" e non uno a mRNA - una tecnologia troppo recente e non abbastanza affidabile, a loro avviso - per proteggersi dal virus.

 

In Portogallo, la variante Delta è già responsabile del 95% dei casi di infezione da SARS-CoV-2. Pertanto, il Paese sta accelerando la vaccinazione. Secondo i responsabili della task force di vaccinazione, solo il 2,5% delle persone contattate dal sistema di vaccinazione ha rifiutato l'invito a essere immunizzato. Il paese si sta muovendo verso la vaccinazione degli adolescenti, ma le regole e le indicazioni del vaccino per i più giovani dividono ancora esperti e autorità. Attualmente, il Paese ha più del 57% della popolazione completamente vaccinata e il 70% vaccinato con la prima dose. Considerando la copertura vaccinale, il Portogallo sta allentando alcune misure restrittive adottate dopo l'aumento della variante Delta, come il coprifuoco notturno (tra le 23 e le 5 del mattino). Il mantenimento della flessibilità dipende dal successo degli obiettivi di vaccinazione. Il 10 agosto, il tasso di trasmissione nazionale era dello 0,93.

 

Dopo le nuove decisioni dei governi federali e statali, è chiaro che le cose diventeranno presto più complicate per i non vaccinati in Germania. Dovranno prepararsi a maggiori obblighi di test nella vita quotidiana - e da metà ottobre, i non vaccinati dovranno generalmente pagare di tasca propria i test rapidi. Questo è stato deciso martedì dalla cancelliera Angela Merkel insieme ai premier statali.

Il dibattito sulla regola 2G, che, a differenza della regola 3G, include solo libertà per le persone vaccinate e guarite e non prende in considerazione le persone testate, fornisce ulteriore materiale di discussione. Queste libertà includono per esempio l'accesso a grandi eventi in club o sale. Tuttavia, non è ancora chiaro quando questo sarà deciso.

L'incidenza a sette giorni continua ad aumentare in Germania. Secondo i dati dell'Istituto Robert Koch (RKI) mercoledì mattina era 25,1 - una settimana fa era 18,5. Gli uffici sanitari in Germania hanno riportato 4.996 nuove infezioni di COVID-19 in un giorno. Una settimana fa c'erano state 3.571 infezioni.

Nel distretto di Friesland probabilmente più di 8.500 persone devono essere vaccinate di nuovo, dopo che un'infermiera ha fatto le vaccinazioni con soluzione salina. Le vaccinazioni eventualmente mancanti devono ora essere recuperate il più rapidamente possibile, anche se non si sa ancora quante persone siano realmente coinvolte.

 

L'Italia conferma la crescita del numero di nuovi casi, con un'incidenza media settimanale di 62 casi/100.000 persone. Il valore Rt è stabile (1,56, secondo il ministero della Salute). La Sicilia e la Sardegna rischiano di passare dalla zona bianca a quella gialla a causa del gran numero di turisti che contribuiscono alla crescita dei casi locali. Il numero di persone ricoverate è aumentato, sia in unità di cura non intensive che intensive.

Il 63% della popolazione italiana di età superiore ai 12 anni ha completato il programma di vaccinazione (64% degli adulti), ponendo l'Italia al di sopra degli Stati Uniti, ma anche di Francia, Germania e al di sopra della media europea (60% secondo l'ECDC).

Il settimo Rapporto di Farmacovigilanza sui vaccini COVID-19 pubblicato dall'AIFA, l'Agenzia Nazionale del Farmaco, riporta un tasso di 16 eventi gravi ogni 100.000 dosi somministrate, per lo più sindromi influenzali con sintomi intensi, più frequenti dopo la seconda dose dei vaccini mRNA e dopo la prima dose di Vaxzevria. La reazione si è verificata in circa l'80% dei casi nelle prime 48 ore, indipendentemente dal vaccino, dalla dose e dal tipo di evento.

L'Italia sta discutendo su come utilizzare il pass sanitario per il back-to-school: mentre il Ministro dell'Istruzione vuole utilizzarlo per evitare la quarantena per gli studenti vaccinati in caso di contatti con il COVID-19, gli oppositori al pass si stanno rivolgendo al tribunale sostenendo che una tale misura sarebbe contro la Costituzione e il diritto al libero accesso alla scuola.

 

In Svizzera, il 55% della popolazione ha ricevuto una dose. L'Ufficio federale della sanità pubblica ha segnalato 1.910 nuove infezioni nelle 24 ore di martedì. Inoltre, l'approvazione del vaccino Moderna è stata estesa ai ragazzi dai 12 ai 17 anni.

Secondo il portavoce dell'esercito Stefan Hofer, la vaccinazione obbligatoria per l'esercito svizzero non è attualmente in discussione, a differenza dell'esercito americano. Tuttavia, il tasso di vaccinazione nell'esercito svizzero è attualmente del 60% per la prima dose.

 

In Austria, circa il 60% della popolazione è stata vaccinata con almeno una dose alla data del 10 agosto. Circa il 55% ha ricevuto una seconda dose. L'incidenza a sette giorni era di 43 casi su 100.000 abitanti il 9 agosto, rispetto ai 36,6 dell'inizio della settimana.

 

L'incidenza dei casi di COVID-19 in Spagna continua la sua tendenza al ribasso: l'11 agosto l'incidenza cumulativa è scesa di 20 punti a 528,4 casi per 100.000 abitanti. Anche se il 10 agosto il numero di letti di terapia intensiva occupati da pazienti COVID è sceso leggermente per la prima volta in un mese, supera ancora il 21%, il che lo mantiene ad alto rischio, secondo quanto stabilito dal governo per questo indicatore.

Il 60,6% della popolazione è già completamente vaccinato contro COVID-19 (più di 28,7 milioni di persone), mentre il 70,8% ha ricevuto almeno una dose (33,5 milioni), secondo l'ultimo rapporto sulla salute. Solo il 5% della fascia di età tra i 12 e i 19 anni ha ricevuto il ciclo completo, mentre il 27,4% ha ricevuto una dose. Alcune regioni stanno già chiedendo il pass COVID-19 per entrare in bar e ristoranti. L'11 agosto l'Agenzia spagnola dei medicinali e dei prodotti sanitari (AEMPS) ha autorizzato il primo studio clinico umano di un vaccino sviluppato in Spagna, il vaccino PHH-1V contro COVID-19.

 

Gli Stati Uniti hanno una media di circa 124.000 nuovi casi di COVID-19 al giorno e gli ospedali sono di nuovo pieni di pazienti COVID-19, la maggior parte dei quali non sono vaccinati per scelta. Questa nuova impennata è centrata nel sud-est, che ha alcuni dei tassi di vaccinazione comunitaria più bassi del paese. Gli ospedali di questa regione sono sopraffatti da un'ondata di pazienti COVID-19 non vaccinati.  Diversi stati, tra cui Mississippi e Arkansas, sono a corto di letti di terapia intensiva.  Gli ospedali della Florida e dell'Alabama riportano difficoltà a procurarsi abbastanza ossigeno per sostenere il numero di pazienti che ne hanno bisogno. La crisi è peggiorata da una grave carenza di infermieri e altri operatori sanitari come i fisioterapisti respiratori. Diversi stati si stanno rivolgendo al governo federale e ai suoi sistemi sanitari militari per aiuto. Anche i bambini vengono ricoverati in un numero record, dato che la variante Delta ha coinciso con la riapertura delle scuole.

 

In Messico, al 10 agosto, c'erano 2.997.885 casi confermati di COVID-19, e 245.476 decessi associati a SARS-COV-2. I casi giornalieri, i ricoveri e i decessi continuano ad aumentare. Il numero di infezioni giornaliere ha superato quello riportato nel secondo picco epidemico nel gennaio 2021.

Dal 24 dicembre 2020 al 9 agosto 2021, il governo messicano ha vaccinato 51.061.391 persone contro COVID-19, il che rappresenta il 56% della popolazione totale dai 18 anni in su.

A un mese e mezzo dalla terza ondata di SARS-CoV-2 in Messico, il sottosegretario alla prevenzione e alla promozione della salute, il dottor Hugo Lopez-Gatell Ramirez, ha detto che non ci sono prove che le lezioni frontali comportino un rischio di focolai di infezione da COVID-19, quindi anche con un alto rischio epidemiologico sarà possibile riaprire le scuole.

 

Il direttore della PAHO, Dr. Carissa F. Etienne, ha annunciato che più di 1,3 milioni di casi di COVID-19 e più di 19.000 decessi correlati sono stati riportati la scorsa settimana nella Regione delle Americhe.

Il numero di casi è aumentato in alcuni luoghi, ma i dati mostrano che "dove i vaccini sono disponibili, l'incidenza della malattia grave è ridotta e le vite vengono salvate".

Il numero di decessi è in aumento in quasi tutti i paesi dell'America centrale, con un aumento del 30% riportato in El Salvador. Il numero di casi è in aumento a Cuba, Giamaica, Porto Rico, Martinica e Bahamas. In Sud America, c'è stata una diminuzione generale del numero di casi e decessi nella regione andina e in tutto il Cono Sud. Il numero di casi è diminuito significativamente in Colombia, Bolivia, Paraguay e Uruguay.

 

Il tasso di trasmissione di SARS-CoV-2 in Brasile, secondo le stime dell'Imperial College di Londra (Inghilterra), è di 0,90 (100 persone infette trasmettono il virus ad altre 90). Secondo il consorzio di mezzi stampa che monitora la pandemia, questa è la settima settimana di fila in cui il tasso nazionale è inferiore a 1. A causa della mancanza di dosi, la vaccinazione subisce ancora interruzioni in varie parti del paese. Al 10 agosto, il 21,79% della popolazione ha ricevuto la seconda dose o la dose singola di un qualsiasi vaccino anti-COVID-19 (46.150.415 persone). La prima dose è stata data, finora, al 50,98% dei brasiliani (107.949.359 persone). La variante Delta si diffonde e la tendenza è che diventi dominante, come è successo in altri paesi del mondo. La settimana scorsa (6 agosto), la variante Delta ha rappresentato il 45% dei campioni di virus sequenziati nella città di Rio de Janeiro. Il 4 agosto, il governo di Rio ha chiesto al Ministero della Salute un aumento del 15% del numero di dosi da inviare nello stato, anche per cercare di contenere l'avanzata della Delta. Il 7, il ministro della Sanità ha autorizzato un aumento del 5% della quantità di vaccini per lo stato. San Paolo, lo stato più ricco del paese, minaccia di portare il governo federale in tribunale per ottenere più vaccini. Nello stato, il 95% delle persone ricoverate non sono state vaccinate.

 

Poiché i ricoveri per Covid-19 continuano ad aumentare in Israele, pur con una quota significativa di pazienti vaccinati, il paese sta considerando un quarto lockdown a settembre, durante le principali festività ebraiche. La decisione dipenderà in gran parte dall'impatto della terza dose del vaccino, che potrebbe presto essere estesa agli over 40.

 

L'attuale isolamento nello stato di Victoria, in Australia, che doveva terminare il 12 agosto, è stato esteso almeno fino al 19 agosto. Lo stato del Nuovo Galles del Sud ha riportato il picco più elevato di casi trasmessi localmente in un solo giorno (356 casi di COVID-19 il 10 agosto).

 

La Corea del Sud ha riportato un numero record di 2.200 infezioni giornaliere di COVID-19 l'11 agosto. Nel tentativo di vaccinare il 70% degli adulti entro settembre 2021, il paese sta offrendo la vaccinazione COVID-19 a tutti gli adulti dai 18 anni in su. Circa il 45% della popolazione ha ricevuto almeno una dose del vaccino, mentre il 15% è stato completamente vaccinato.

 

Il Bangladesh ha iniziato una campagna di vaccinazione per circa 1 milione di rifugiati Rohingya che vivono nei campi del distretto di confine di Cox's Bazar. Nella prima fase, 48.000 rifugiati dai 55 anni in su saranno vaccinati usando il vaccino cinese Sinopharm. La maggior parte del paese è attualmente sotto isolamento a causa dell'aumento delle infezioni COVID-19 nella variante Delta.

 

L'India ha approvato il vaccino COVID-19 a dose singola di Johnson & Johnson, rendendolo il quinto vaccino a ricevere l'approvazione di emergenza nel paese.

 

L'Iran ha riportato un numero record di infezioni e morti giornaliere di COVID-19 l'8 agosto, con oltre 39.600 casi e 542 morti.

 

Le autorità di Wuhan, Cina, hanno completato i test sull'intera popolazione di 11,3 milioni di persone, a eccezione degli studenti universitari in pausa estiva e dei bambini sotto i 6 anni. Nove casi positivi sono stati registrati dai test di massa.

- Le redazioni di Univadis, Medscape, Coliquio e Mediquality