COVID-19: i tassi di ricovero e di mortalità sono alti in caso di tumori toracici

  • Garassino MC & al.
  • Lancet Oncol
  • 12/06/2020

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti con tumori toracici, i tassi di ricovero e di mortalità correlati alla COVID-19 sono alti.
  • In questa analisi basata su un registro, tuttavia, solo il 9% è stato ricoverato in UTI.

Perché è importante

  • L’emergenza della COVID-19 ha spinto i centri medici a ridurre le visite di tipo oncologico dei pazienti, a rinviare il trattamento sistemico e chirurgico e a interrompere gli screening oncologici, il tutto senza il beneficio di evidenze cliniche sui rischi della COVID-19 per i pazienti oncologici.
  • Questo è il primo rapporto tratto dal registro Collaborazione internazionale sulla COVID-19 nei tumori toracici (Thoracic cancERs internAtional coVid-19 cOLlaboraTion, TERAVOLT).

Disegno dello studio

  • 200 pazienti con tumori toracici e COVID-19 in 8 Paesi.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Il 76% dei pazienti aveva un tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC).
  • I pazienti erano per il 57% ex-fumatori, 24% fumatori e il 19% erano soggetti che non avevano mai fumato.
  • Il 74% stava al momento ricevendo trattamento oncologico.
  • Il 76% è stato ricoverato, il 9% in UTI.
  • Il 33% è deceduto; “complicanze da COVID-19” era la causa di decesso indicata per il 79% di essi.
  • I pazienti trattati con inibitori tirosin-chinasici in monoterapia hanno evidenziato una probabilità inferiore di essere ricoverati rispetto a quelli che non ricevevano la terapia (OR: 0,24; IC 95%: 0,08-0,71).
  • Secondo l’analisi multivariabile, solo l’anamnesi di fumatore era associata a un aumento del rischio di mortalità (aOR: 3,18; IC 95%: 1,11-9,06).

Limiti

  • Erano disponibili dati limitati per i soggetti la cui COVID-19 è stata gestita in ambito domiciliare.