COVID-19 I momenti salienti della settimana in tutto il mondo: incoraggianti risultati per il vaccino, picco della seconda ondata e restrizioni natalizie....


  • Ben Gallarda
  • Univadis Medical News
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Dopo 23 giorni consecutivi senza nuovi casi di COVID-19 e senza ulteriori decessi, l’Australia ha annunciato che non è più obbligatorio indossare le mascherine all'aperto, tranne quando non è possibile mantenere il distanziamento sociale. Le persone sono ancora tenute a indossare le mascherine nelle aree pubbliche al coperto e sui mezzi pubblici. L'amministratore delegato della più grande compagnia aerea australiana Qantas ha accennato al fatto che, una volta disponibile il vaccino COVID-19, i passeggeri potranno richiedere un passaporto vaccinare per poter viaggiare all'estero.

Il 24 novembre la Malaysia ha registrato il record di 2.188 casi giornalieri di COVID-19. Non ci sono stati nuovi casi di infezione da COVID-19 trasmessa localmente a Singapore dall'11 novembre; tuttavia, continuano a essere segnalati quotidianamente alcuni casi importati.

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha chiesto ai governi statali di prepararsi per la conservazione e la distribuzione dei vaccini COVID-19. Ha inoltre dichiarato che il governo indiano sta seguendo da vicino il processo di sviluppo del vaccino ed è in contatto con gli enti regolatori a livello globale, con gli sviluppatori e i produttori di vaccini indiani e multinazionali e con altri governi. Il conteggio del COVID-19 dell'India era di 9,2 milioni al 25 novembre.

In Belgio, la seconda ondata COVID-19 ha raggiunto il suo picco due settimane fa e c'è stato un ulteriore calo dei tassi di infezione, ricoveri e mortalità. Finora sono stati segnalati 561.803 casi di COVID-19 (15.938 morti e 36.569 guaritii). Il Belgio riceverà le prime dosi di vaccino COVID-19 entro la fine dell'anno. Il Governo ha approvato l'acquisto di CureVac, un quarto vaccino contro il coronavirus. Questo porta il numero di vaccini contro il coronavirus ordinati dal Belgio a più di 20 milioni - 7,74 milioni da AstraZeneca, 5,16 milioni da Johnson & Johnson e 5 milioni da Pfizer.

L'ultimo studio sul coronavirus dell'Università di Anversa mostra che i belgi si sentono depressi - più che durante la prima ondata - con studenti e lavoratori disoccupati nel settore del turismo e servizi correlati tra quelli che si sentono più colpiti.

Questa settimana la Francia ha superato i 50.000 morti per COVID-19. Durante il suo discorso di martedì 24 novembre, il capo dello Stato, Emmanuel Macron, ha affermato che i vaccini COVID-19 saranno "non obbligatori". Ha aggiunto che le prime dosi potrebbero essere somministrate già alla fine di dicembre e che l'isolamento delle persone infette potrebbe portare a misure coercitive.

Il team di ricerca sui vaccini dell'Università di Oxford/AstraZeneca ha annunciato i risultati positivi della fase intermedia 2/3, ottenuti anche grazie a un errore nel dosaggio di prova e a una popolazione di pazienti più giovane. I migliori risultati si ottengono con una mezza dose seguita da una dose completa in pazienti di 55 anni o più giovani. "La scvoperta dell’efficacia della mezza dose è avvenuta per serendipità", ha detto Mene Pangalos di AstraZeneca. I controlli sono stati fatti dopo che sono stati osservati meno effetti collaterali del previsto in seguito alla prima dose, "e abbiamo scoperto che avevano sottodosato il vaccino della metà", ha detto Pangalos.

Nel frattempo, è stato annunciato un allentamento del blocco in tutto il Regno Unito per 5 giorni a Natale.

Il 24 novembre il Ministro della Salute spagnolo ha presentato una "strategia di vaccinazione COVID-19 in Spagna". Il Governo ha stabilito tre fasi di priorità basate sulla disponibilità dei vaccini. I primi a essere vaccinati saranno i residenti e il personale delle residenze per anziani, seguiti dagli operatori sanitari. Anche se il numero di nuovi casi di COVID-19 sta diminuendo, la Spagna ha raggiunto un nuovo record di decessi questa settimana, con 537 morti. Il Governo e le autorità locali stanno costruendo un "piano natalizio" con misure per limitare la diffusione del COVID-19 durante i festeggiamenti.

In Portogallo si registra un numero record di ricoveri ospedalieri e il governo ritiene che i servizi sanitari si trovino in una situazione critica. Gli esperti stimano che il Paese dovrebbe raggiungere il picco della seconda ondata tra il 25 e il 30 novembre.

Il Paese si trova attualmente in stato di emergenza e gli operatori sanitari considerati "essenziali" per il sistema sanitario pubblico possono ora vedersi negare la richiesta di rescissione del contratto finché non cessa l’emergenza. Il Sindacato dei Medici dice che il provvedimento è illegale.

Il numero totale di individui guariti da COVID-19 è stato di 184.233 (al 24/11). Il numero di diagnosi dall'inizio della pandemia ha raggiunto quota 268.721.

In Italia, il rapporto settimanale della Sala di controllo del Ministero della salute (9-15 novembre) conferma un rallentamento dell'indice di trasmissione della SARS-CoV-2, ma nell'ambito di un'alta incidenza di COVID-19 in tutto il Paese, con una significativa pressione sui servizi sanitari. Per questo motivo il Ministro della Salute Roberto Speranza ha confermato la suddivisione del Paese in diverse zone (rossa, arancione e gialla) in base all'indice di trasmissione fino al 3 dicembre.

Al 22 novembre l'Italia conta 34.279 pazienti ricoverati, di cui 3.801 in terapia intensiva, e 767.867 persone ufficialmente risultate positive e in isolamento domiciliare (Ministero della Salute). Tutte le Regioni hanno superato la soglia del 30% di occupazione dei posti letto in terapia intensiva, con l'eccezione del Veneto e della Calabria. 10 Regioni (su 22) hanno superato la soglia del 50% e la Lombardia supera il 90% (Infodata Sole 24 Ore).

Se in Germania la chiusura generale delle scuole non è ancora oggetto di discussione, non è del tutto chiaro quanto sia elevato il numero di casi non denunciati tra i bambini e i giovani. In genere, i test vengono effettuati solo al manifestarsi dei sintomi o dopo contatti a rischio. Ora i pediatri in Germania hanno dato il via libera: in seguito allo screening di 110.000 bambini e adolescenti, solo lo 0,53% di tutti i test è risultato positivo.

"Negli ospedali pediatrici tedeschi sottoponiamo di routine a test tutti i bambini che vengono ricoverati", dice il Prof. Dr. Matthias Keller, primario dell'ospedale pediatrico Dritter Orden di Passau. Secondo Keller, i campioni casuali provenienti da 105 delle 145 cliniche pediatriche interpellate a novembre hanno dimostrato che non c'è stata una significativa sottovalutazione dell’infezione nei bambini.

Tutto indica che i tassi di infezione nelle scuole riflettono la prevalenza di COVID-19 nell'ambiente, hanno detto i responsabili di questa analisi. Le scuole non dovrebbero essere considerate punti caldi o un fattore importante nella trasmissione della COVID-19.

Mentre la seconda ondata in Germania ha raggiunto il picco massimo, il numero di casi rimane troppo elevato (oltre 20.000 infezioni al giorno), quindi in distanziamento sociale è stato ora inasprito. Per le vacanze di Natale e Capodanno, tuttavia, i ministri dei Länder federali e la cancelliera Angela Merkel hanno annunciato un leggero allentamento del blocco: invece di 10 persone appartenentyi però a due nuclei famigliari soltanto, potranno festeggiare insieme fino a 10 persone qualunque. I bambini sotto i 14 anni non vengono conteggiati.

Il Messico ha superato i 100.000 morti ed è superato solo da Stati Uniti, Brasile e India. In Cile e Argentina, CanSino Biologics Inc. inizierà a testare il suo vaccino contro il coronavirus; Città del Messico ha già reclutato 2000 volontari che inizieranno a ricevere il vaccino entro la prossima settimana presso l'Istituto Nazionale di Scienze della Salute e Nutrizione "Salvador Zubirán".

L’indice Rt è aumentato di nuovo in Brasile. Il 16 era 1.1, secondo un rapporto dell'Imperial College di Londra (Regno Unito). Un nuovo rapporto, pubblicato il 24, ha riferito che questo indice ha raggiunto 1.3. Ciò significa che ogni gruppo di 100 persone infettate dalla SARS-CoV-2 trasmette la malattia ad altre 130 persone.

Si tratta del livello più alto da maggio, il che indica un'ulteriore intensificazione del tasso di contagio. Secondo il consorzio che controlla i dati in Brasile, il Paese ha superato i 170.000 decessi per COVID-19 e conta 6,1 milioni di casi.

La buona notizia dal Brasile è che i risultati della fase 3 della sperimentazione del vaccino CoronaVac (Sinovac + Instituto Butantan) saranno rilasciati nella prima settimana di dicembre. Inoltre, i risultati dei test con il vaccino Oxford/AstraZeneca hanno mostrato un'efficacia del 62% con un programma di dosaggio standard (due dosi piene).

Mentre l'ondata di COVID-19 continua in gran parte degli Stati Uniti, le proiezioni dicono che i casi potrebbero raggiungere i 20 milioni entro gennaio, quasi raddoppiando l'attuale totale di 12,4 milioni. Il numero crescente di casi sta già mettendo a dura prova gli ospedali, in particolare nel centro del Paese. Alcune strutture riferiscono di aver dovuto allontanare i pazienti a causa della carenza di letti e di personale. E gli infermieri stanno lottando contro una disposizione nel Nord Dakota che richiederebbe loro di continuare a lavorare anche se risultassero positivi ma asintomatici.

Di fronte a questo triste bilancio, i progressi nelle terapie e nei vaccini sono benvenuti. Pfizer e il suo partner tedesco BioNTech hanno presentato una richiesta alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per un'autorizzazione all'uso d'emergenza del vaccino COVID-19. Alcuni report suggeriscono che la distribuzione del vaccino potrebbe iniziare entro la metà di dicembre. Inoltre, la FDA ha autorizzato l'uso dell'inibitore della Janus chinasi baricitinib in combinazione con il remdesivir per il trattamento di pazienti ricoverati per COVID-19 che necessitano di supplementazione di ossigeno o ventilazione.

 

-Univadis, Medscape and Mediquality editorial team