Costa, 'ok a mozione su riorganizzazione territorio, pilastro riforma Ssn'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 15 giu. (Adnkronos Salute) - "Abbiamo davanti una occasione imperdibile: ridisegnare il nostro Servizio sanitario nazionale, anche grazie alle risorse del Pnrr", il Piano nazionale di ripresa e resilienza. "I pilastri di questa rivoluzione saranno innovazione, uguaglianza e soprattutto prossimità. Ed è per questo motivo che accolgo con favore l'approvazione della mozione sulla sanità territoriale da parte del Parlamento". Lo ha dichiarato il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, a margine dell'approvazione della mozione di maggioranza, in rappresentanza del Governo.

"E' essenziale - sottolinea - tornare ad investire sulla medicina di prossimità per garantire al paziente continuità delle cure e assistenza domiciliare. Dobbiamo invertire la rotta secondo cui l'ospedale è l'unico centro nevralgico delle cure. Per fare ciò, è necessario creare una rete che valorizzi le realtà e le professionalità del territorio secondo un principio cardine: portare i servizi vicino ai cittadini. Questo contribuirà a ridurre i divari geografici e territoriali armonizzando gli standard delle prestazioni sanitarie, garantirà una migliore esperienza di cura per gli assistiti e migliorerà i livelli di efficienza dei sistemi sanitari regionali. L'obiettivo primario è assicurare a chiunque di poter avere equo accesso ai servizi a prescindere da dove risiede. Dobbiamo ripartire dalla consapevolezza che la sanità è un investimento e non un costo".

"La mozione - precisa Costa - darà impulso alle iniziative già previste all'interno del Dm 71. Tra i principali impegni assunti: revisione della formazione dell'operatore socio sanitario; valorizzazione economica del personale sanitario; iniziative per ovviare alla mancanza di personale medico; valorizzazione del ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta; riorganizzazione e potenziamento della rete territoriale di assistenza e presa in carico del paziente anzitutto cronico, potenziando anche i servizi di psicologia; iniziative per facilitare ed estendere l'assistenza e la terapia domiciliare per i pazienti cronici e i malati rari; previsione di un presidio sanitario all'interno delle scuole; rinnovamento della struttura tecnologica e digitale del Ssn a livello statale e regionale; coinvolgimento attivo del terzo settore; potenziamento degli standard organizzativi, strutturali e tecnologici delle Rsa".