Corticosteroidi per via inalatoria: prevengono il tumore polmonare nei soggetti con BPCO?

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una metanalisi indica che i corticosteroidi per via inalatoria (inhaled corticosteroids, ICS) possono proteggere contro lo sviluppo del tumore polmonare con un meccanismo dose-risposta.
  • Alte dosi di ICS (1.000 μg/die) riducono l’incidenza di tumore polmonare del 32% rispetto a dosi inferiori.
  • La base di evidenze è tuttavia classificata come certezza da bassa a molto bassa, soprattutto a causa di confondimento.

Perché è importante

  • I soggetti che soffrono di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) sono ad alto rischio di sviluppare tumore polmonare.
  • Nonostante le deboli evidenze di questa metanalisi, la potenziale chemioprevenzione con ICS non è dannosa se i pazienti hanno bisogno di tali farmaci o se si utilizzano agenti simili per il trattamento della BPCO.

Disegno dello studio

  • Una metanalisi dose-risposta di 13 studi di coorte con 268.363 partecipanti.
  • I 13 studi sono stati identificati mediante una ricerca nei database EMBASE, MEDLINE, Cochrane Controlled Register of Trials, Web of Science e MedRxiv.
  • Il tipo di ICS più comune è risultato il fluticasone, pertanto tutti gli altri tipi di ICS sono stati convertiti in equivalenti di fluticasone ai fini di questa analisi.
  • Tutti gli studi inclusi erano coorti osservazionali.
  • La forza delle evidenze è stata valutata mediante il sistema di determinazione, formulazione e valutazione della qualità delle raccomandazioni (Grading of Recommendations Assessment, Development, and Evaluation, GRADE).
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Per ogni 500 μg/die di ICS equivalente a fluticasone è stata osservata una riduzione del 18% del rischio relativo (rischio relativo, 0,82; IC 95%, 0,68–0,95). Tale rischio relativo è stato calcolato come una riduzione assoluta del rischio di 14 casi di tumore polmonare in meno su 1.000 (IC 95%, 24,7–3,8 in meno), ipotizzando un rischio basale di tumore polmonare nei pazienti con BPCO del 7,2%.
  • Per ogni 1.000 μg/die di ICS equivalente a fluticasone è stata osservata una riduzione del rischio relativo maggiore, del 32% (rischio relativo, 0,68; IC 95%, 0,44–0,93). Tale rischio relativo è stato calcolato come una riduzione del rischio assoluto di 24,7 casi di tumore polmonare in meno su 1.000 (IC 95%, 43,2–5,4 in meno), ipotizzando un rischio basale di tumore polmonare nei pazienti con BPCO del 7,2%.
  • La qualità complessiva delle evidenze, utilizzando i criteri GRADE, è risultata una certezza da bassa a molto bassa. Diversi studi, ad esempio, non hanno corretto per lo stato di fumatore o l’aderenza al trattamento con ICS.

Limiti

  • Nessuno degli studi inclusi aveva un disegno randomizzato.
  • Per la metanalisi dose-risposta è stato possibile utilizzare solo 7 dei 13 studi.