Coronavirus, nel Lazio da lunedì riaprono ambulatori Asl e ospedali

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 20 mag. (Adnkronos Salute) - Da lunedì 25 maggio ripartono nel Lazio le visite specialistiche in ambulatori di Asl e ospedali del Servizio sanitario regionale, in Irccs pubblici e privati, nelle case di cura e nei centri specialistici accreditati. Ripartono anche gli screening oncologici di primo livello interrotti a marzo per l'emergenza Covid-19 e l'intramoenia. E' quanto ha deciso l'assessorato alla Sanità e integrazione sociosanitaria della Regione Lazio nel documento 'Indicazioni per la ripresa dell'attività della medicina specialistica, ambulatoriale e programmi di screening'. "Tutte le strutture dovranno adottare misure di sicurezza e controllo delle infezioni correlate all'assistenza in generale e per Covid-19 - precisa il documento - Non sarà consentito l'accesso alle strutture a chi ha una temperatura corporea superiore a 37,5 gradi centigradi".

Il piano della Regione Lazio punta ad ampliare orari e le disponibilità per recuperare il pregresso di esami e visite rimandate per l'emergenza seguendo un "principio di maggior priorità". L'obiettivo è di permettere le visite e gli esami il sabato e la domenica e di allungare gli orari fino alle 22. Ogni azienda sanitaria dovrà fare il suo piano di recupero delle prestazioni arretrate rimaste inevase per il lockdown. Il documento prevede anche che per "ridurre al minimo gli spostamenti degli utenti e il sovraffollamento, gli specialisti forniscano consulti a distanza e teleconsulti ai medici di famiglia e ai pediatri di libera scelta per un secondo parere".