Coronavirus, inaugurato ospedale da campo Crema


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 24 mar. (Adnkronos Salute) - Oggi il taglio del nastro, da domani operativo a tutti gli effetti sul fronte dell'emergenza coronavirus. L'ospedale da campo allestito dall'esercito davanti al presidio di Crema è pronto per aprire i battenti ed è stato inaugurato questa mattina con gli assessori lombardi Giulio Gallera (Welfare) e Pietro Foroni (Protezione civile). Gestito da una brigata di 52 fra medici e infermieri arrivati da Cuba domenica pomeriggio, è dotato di 32 posti letto tutti con ossigeno e 3 di terapia intensiva e una sala radiografica specializzata.

"Questo è un momento fortemente simbolico - ha sottolineato Gallera - perché l'ospedale di Crema è uno di quelli che, sin dal primo momento, sta vivendo una situazione estremamente complicata. Il numero di pazienti che quotidianamente hanno affollato e continuano ad affollare il pronto soccorso e i reparti ha messo veramente a durissima prova il personale".

L'assessore ha voluto ringraziare nuovamente "i medici e gli infermieri" della struttura sanitaria cremasca "che stanno facendo un lavoro eroico. Fortunatamente siamo in un Paese che ha delle forze importanti e, in questo, si sono distinti anche i cittadini e il sindaco Stefania Bonaldi". L'altro ringraziamento, attraverso l'ambasciatore della Repubblica di Cuba in Italia Jose' Carlos Rodriguez Ruiz, è rivolto alla comunità cubana che si è messa a disposizione "dandoci una boccata d'ossigeno, fondamentale per evitare che i pazienti restassero ore seduti nell'astanteria del pronto soccorso perché non si poteva fare di più e di meglio".

In questo percorso, ha aggiunto Foroni, "è stato fondamentale il ruolo della Protezione civile che, insieme all'esercito, in pochissimi giorni è riuscita ad allestire un vero e proprio ospedale dotato delle migliori tecnologie. Anche a loro dunque va un grandissimo ringraziamento". E alla brigata cubana, ha concluso l'assessore, "per come da subito si è messa a completa disposizione della Lombardia accettando una sfida sicuramente non semplice".