Contro l’ansia dei malati oncologici serve anche la consapevolezza


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In pazienti oncologici adulti, gli interventi basati sulla consapevolezza (mindfulness based intervention, MBI) riducono ansia e depressione a breve e medio termine.
  • A breve e medio termine si osservano inoltre miglioramenti nella qualità di vita legata alla salute (HRQoL).
  • Servono studi per chiarire gli effetti di tali interventi a lungo termine e in diverse popolazioni di pazienti oncologici, anche in confronto con altri strumenti efficaci nel ridurre ansia e depressione.

Descrizione dello studio

  • La revisione sistematica della letteratura ha permesso di identificare 28 studi randomizzati e controllati (3.053 adulti) che confrontavano MBI con cure standard, gruppi controllo in lista d’attesa o assenza di intervento nella gestione di pazienti oncologici adulti.
  • Gli effetti sono stati riportati come differenze medie standardizzate (SMD), calcolate mediante un modello a effetti casuali.
  • L’esito primario era la misura della gravità dell’ansia a breve termine (fino a un mese dall’intervento).
  • Gli esiti secondari includevano la gravità di ansia, depressione ed esiti in termini di HRQoL a medio (da 1 e fino a 6 mesi dopo l’intervento) e lungo ( da >6 fino a 12 mesi dopo l’intervento) termine in pazienti e caregiver.

Risultati principali

  • Gli interventi di mindfulness sono risultati associati a riduzioni significative nell’ansia a breve termine (23 studi; SMD -0,51; I2=76%) e le associazioni non variavano in base a pazienti valutati, intervento o caratteristiche dello studio.
  • Sono emerse associazioni anche tra MBI e riduzione dell’ansia a medio termine (9 studi; SMD -0,43; I2=66%), mentre non sono state osservate associazioni sul lungo periodo (2 studi; SMD -0,02; I2=68%).
  • Gli interventi di mindfulness sono risultati associati anche a riduzioni della depressione e a miglioramenti nella HRQoL sia a breve (SMD -0,73; I2=86% per depressione e SMD 0,51; I2=82% per HRQoL), sia a medio termine (SMD -0,85; I2=91% per depressione e SMD 0,29; I2=57% per HRQoL).

Limiti dello studio

  • Non è possibile stabilire con certezza se i progressi osservati siano legati solo agli interventi di mindfulness.
  • Le donne sono più rappresentate degli uomini negli studi presi in considerazione.
  • I risultati non possono essere generalizzati ad altre popolazioni di pazienti oncologici come bambini o pazienti sottoposti a cure palliative.
  • I metodi utilizzati per misurare gli effetti degli interventi di mindfulness sono diversi e non sempre standardizzati.

Perché è importante

  • L’ansia è un sintomo piuttosto comune nei pazienti oncologici durante il trattamento e può determinare riduzioni della HRQoL, oltre che minore aderenza alle terapie.
  • Gli interventi basati sulla consapevolezza possono aiutare questi pazienti a gestire l’ansia, ma i risultati degli studi sul tema sono spesso discordanti.
  • Comprendere l’impatto di tali interventi potrebbe aiutare a definire programmi di gestione dell’ansia più strutturati ed efficaci.