Consumo di cioccolato e rischio cardiovascolare: una metanalisi


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Secondo questa metanalisi, un consumo moderato di cioccolato si associa a un rischio ridotto del 12% di eventi cardiovascolari (RCV), e in particolare all’incidenza di infarto del miocardio (IM), ictus in generale, ictus ischemico e soprattutto emorragico (-17%).
  • La relazione non è lineare, per cui il consumo ottimale legato alla riduzione del RCV è stimato a 45 g/settimana, e comunque al di sotto dei 100 g/settimana, mentre non è stata trovata una dose ottimale associata alla mortalità, CV o totale.
  • L’effetto più marcato si è registrato per l’ictus emorragico, con una riduzione del 6,9% dell’incidenza per ogni aumento di 20 g nell’apporto settimanale di cioccolato, ma sempre sotto i 100g/settimana.
  • A dosi superiori, il possibile effetto benefico dei flavonoidi contenuti nel cioccolato sarebbe controbilanciato e sovrastato dai danni dell’apporto calorico, in zuccheri e grassi.

Descrizione dello studio

  • Metanalisi di studi prospettici e precedenti metanalisi o revisioni sistematiche che collegassero il consumo di cioccolato negli adulti e l’incidenza o la mortalità per eventi CV (cardiopatia ischemica, ictus, scompenso cardiaco e infarto cerebrale), riportando rischio relativo (RR) e IC 95%.
  • Per l’analisi di dose-risposta si è tenuto conto solo degli studi che fornissero una scala continua o almeno tre livelli di consumo, mentre studi caso- controllo e cross-sectional sono stati esclusi.
  • Per modellare l’associazione dose-risposta sono state usate spline cubiche ristrette.
  • Fonte del finanziamento: National Natural Science Foundation of China e altre fondazioni di ricerca pubbliche cinesi.

Risultati principali

  • Da 49 studi potenzialmente eleggibili ne sono stati inclusi nella metanalisi 14, comprendenti in totale 405.304 partecipanti, per lo più adulti, e 35.093 casi di eventi CV, in un follow-up mediano di 11,15 anni.
  • L’analisi dose-risposta ha riguardato 6.595 ictus, 4.833 IM e 4.573 casi di scompenso su una popolazione fino a 369.599 partecipanti.
  • Il consumo di cioccolato è risultato associato a una riduzione del 12% del RCV globale, e in particolare a una riduzione del RR di ictus in generale (-16,3%), ischemico (-13,5%), emorragico (-17,1%) e IM (-16,2%).
  • L’analisi dose-risposta ha trovato un riduzione dell’1,8% del RCV totale (-6,9% per l’ictus emorragico) per ogni aumento di 20 g nell’apporto settimanale di cioccolato fino a un massimo di circa 100 g/settimana.
  • Il consumo di cioccolato associato alla maggiore riduzione del RCV globale è stato di 45 g/settimana.  

Perché è importante

  • Sugli effetti benefici del cioccolato nella prevenzione del RCV sono stati pubblicati molti studi dai risultati contraddittori, per cui è utile un lavoro indipendente di rianalisi.