Consip aggiudica Accordo quadro fornitura suture chirurgiche


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 13 gen. (Adnkronos Salute) - La Consip ha aggiudicato la seconda edizione dell'Accordo quadro per la fornitura di suture chirurgiche tradizionali destinate alla chirurgia generale, "che amplia e rinnova l'offerta di dispositivi medici", si legge in una nota della società del ministero dell'Economia. "Il valore di aggiudicazione è pari a circa 103 milioni di euro e i prezzi offerti hanno fatto registrare un ribasso di circa il 10% rispetto ai prezzi medi praticati alle amministrazioni", precisa la nota.

Oggetto dell'iniziativa, che "garantisce la scelta del prodotto più adatto alle esigenze cliniche in base alla tipologia del paziente, sono le suture chirurgiche maggiormente utilizzate dalle strutture sanitarie, suddivise per lotti merceologici in funzione del materiale del filo e della presenza o meno dell'ago. Novità di questa seconda edizione è l'aggiudicazione di un lotto dedicato alle 'suture chirurgiche autobloccanti'. L'Accordo quadro prevede più aggiudicatari per i singoli lotti e avrà una durata di 12 mesi (rinnovabili per ulteriori 12), durante i quali le strutture sanitarie pubbliche potranno stipulare, sulla base delle proprie esigenze (il cosiddetto criterio della 'scelta clinica'), appalti specifici della durata di 24 mesi. La gara ha fatto registrare risultati positivi dal punto di vista qualitativo ed economico", spiega Consip.

I dispositivi offerti "presentano un'elevata qualità, valutata mediante l'esecuzione di prove pratiche su simulatori di tessuto. I chirurghi esperti nella chirurgia generale, nominati come membri di commissione, hanno effettuato le prove di valutazione applicando le 'Linee guida per l’'esecuzione delle prove di valutazione', redatte con lo scopo di accrescere la trasparenza e l'oggettività della valutazione discrezionale. Sia l'impianto di gara che la stesura della documentazione hanno visto il contributo dell'Associazione chirurghi degli ospedali italiani (Acoi) e della Società italiana di chirurgia (Sic) che rappresentano i medici chirurghi esperti e attivi nel settore della chirurgia", conclude la nota.