Conoscere il Glioblastoma - guida per i pazienti


  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

AIOM Associazione Italiana di Oncologia Medica

Conoscere il Glioblastoma - guida per i pazienti

In Italia ogni anno circa 1.500 persone si ammalano di Glioblastoma, il tumore cerebrale maligno più frequente nell’adulto, che rientra nella famiglia dei gliomi. Presenta una maggiore incidenza tra i 50 e i 65 anni. Colpisce più gli
uomini: il 54% contro il 46% delle donne. Può esordire anche nei ragazzi tra i 15 e i 19 anni (7% del totale).
Le cause della patologia sono a tutt’oggi non pienamente conosciute, anche se si riscontrano difetti in mutazioni cromosomiche e genetiche, responsabili della crescita incontrollata di cellule cerebrali. Negli anni, sono stati individuati fattori di rischio certi: l’esposizione a radiazioni ionizzanti, la storia familiare (la presenza di uno o più casi di glioma nello stesso nucleo può accrescere il rischio di sviluppare la malattia, anche
se in maniera modesta) e le sindromi genetiche. Tra i sintomi più frequenti collegati alla presenza di glioblastoma vi è un’insorgenza improvvisa di crisi epilettiche, cefalea, confusione o più raramente un deficit neurologico localizzato. Successivamente al
paziente vengono eseguite una TAC e una risonanza magnetica cerebrale con mezzo di contrasto che possono confermare il sospetto diagnostico.
Se hai tra le mani questo opuscolo, è probabile che a te o a qualche persona cara sia capitato di avere a che fare con il cancro. Per questo è necessario essere informati su cos’è la malattia, cosa succede a chi ne è colpito, come comportarsi nelle diverse fasi, cosa si può fare oggi per fermarla. E, infine, che cosa significa tornare a vivere, una volta superata la neoplasia. Questa guida, promossa da Fondazione AIOM e dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), rappresenta uno strumento di approfondimento e supporto, da utilizzare anche nel confronto con il medico. - Scarica il documento completo in formato PDF