Con l’obesità aumenta il declino della velocità di filtrazione glomerulare


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In base ai risultati di una metanalisi condotta su oltre 5 milioni di individui, valori elevati di indice di massa corporea (IMC), circonferenza vita e rapporto peso-altezza sono fattori di rischio indipendenti di declino della velocità di filtrazione glomerulare (glomerular filtration rate, GFR).

 

Descrizione dello studio

  • Lo studio del Chronic Kidney Disease Prognosis Consortium ha analizzato i dati di 63 coorti internazionali raccolti tra il 1970 e il 2017 (n=5.459.014); 6 coorti erano ad alto rischio cardiovascolare (n=84.417) e 18 coorti presentavano malattia renale cronica (n=91.607)
  • I dati relativi alla circonferenza vita erano disponibili per 21 coorti (n=594.496).
  • Gli esiti primari considerati nella metanalisi erano il declino della GFR (declino GFR stimata [eGFR]≥40%, eGFR2 o inizio terapia sostitutiva renale) e la mortalità.
  • Fonti di finanziamento: US National Kidney Foundation, National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases.

 

Risultati principali

  • Durante il follow-up (media: 8 anni), il 5,6% della popolazione generale ha avuto un declino nella GFR e il 14,7% è deceduto.
  • Dopo correzione per potenziali fattori confondenti (età, sesso, etnia, status di fumatore), rispetto ai pazienti con IMC 25, il rischio di declino della GFR per i pazienti con IMC 30, 35 e 40 è, rispettivamente, 1,18 (IC95% 1,09-1,27), 1,69 (1,51-1,89) e 2,02 (1,80-2,27).
  • La correlazione risulta parzialmente indebolita dopo ulteriore correzione per comorbilità: con IMC 30, 35 e 40 l’HR è pari a 1,03 (IC95% 0,95-1,11), 1,28 (1,14-1,44) e 1,46 (1,28-1,67).
  • L’associazione tra IMC e mortalità è una curva a J con il rischio più basso per IMC 25.
  • Nelle coorti ad alto rischio cardiovascolare e con malattia renale cronica, l’associazione tra IMC e declino della GFR è più debole che nella popolazione generale; l’associazione con la mortalità è sempre una curva a J con il rischio più basso per IMC compreso tra 25 e 30.
  • In tutte le coorti, le associazioni tra circonferenza vita e rapporto peso-altezza e declino della GFR sono simili a quelle osservate per l’IMC.

 

Limiti dello studio

  • La misurazione dell’adiposità è stata effettuata una volta sola alla baseline.
  • Non c’era modo di stabilire se il declino nella GFR era da ricondurre all’obesità stessa o alle cause sottostanti (es. dieta, attività fisica).

 

Perché è importante

  • Studi di popolazione precedenti hanno descritto una correlazione tra obesità e malattia renale cronica o malattia renale allo stadio terminale, ma l’entità della correlazione era molto variabile.
  • I risultati della metanalisi sui dati individuali di un ampio numero di soggetti indicano che l’obesità si associa con il rischio di declino della GFR e di mortalità sia in presenza che in assenza di malattia renale cronica.
  • Questo dato suggerisce che l’aumento della prevalenza dell’obesità a livello mondiale potrebbe portare a un aumento della malattia renale cronica e della malattia renale allo stadio terminale.