Come gestire farmacologicamente l’aborto ritenuto?


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Il trattamento con mifepristone più misoprostolo è più efficace del solo misoprostolo nella gestione dell’aborto ritenuto entro la 14a settimana di gestazione.
  • Alle donne con aborto ritenuto andrebbe offerto il pretrattamento con mifepristone per aumentare le probabilità di espulsione spontanea del sacco gestazionale, riducendo così la necessità della revisione chirurgica.

 

Descrizione dello studio

  • Lo studio in doppio-cieco MifeMiso, condotto in 28 centri UK, ha arruolato 711 donne cui era stato diagnosticato un aborto ritenuto nelle prime 14 settimane di gestazione e che desideravano gestirlo farmacologicamente.
  • Le partecipanti sono state randomizzate (1:1; stratificazione per età, BMI, parità, età gestazionale, intensità dell’emorragia) per ricevere una dose orale di mifepristone 200 mg o placebo, seguiti 2 giorni dopo da una dose di misoprostolo 800 µg (per via orale, sublinguale o vaginale).
  • L’esito primario era la mancata espulsione del sacco gestazionale entro 7 giorni.
  • Fonte di finanziamento: UK National Institute for Health Research Health Technology Assessment Programme.

 

Risultati principali

  • Il 17% delle donne nel gruppo mifepristone+misoprostolo e il 24% delle donne nel gruppo placebo+misoprostolo non ha espulso spontaneamente il sacco gestazionale entro 7 giorni (RR 0,73; IC 95% 0,54-0,99; P=0,043).
  • Il 17% delle donne nel gruppo mifepristone+misoprostolo e il 25% delle donne nel gruppo placebo+misoprostolo ha richiesto la procedura chirurgica per completare l’aborto (RR 0,71; IC 95% 0,53-0,95; P=0,021).
  • Non sono state riscontrate differenze tra i gruppi per eventi avversi.

 

Limiti dello studio

  • Le conclusioni potrebbero non essere applicabili a donne con aborto incompleto in cui parte dei tessuti è già stata espulsa.
  • I risultati non sono stati stratificati per tipo di aborto (gravidanza anembrionica o morte fetale).

 

Perché è importante

  • Una gravidanza su cinque termina con un aborto spontaneo.
  • Il misoprostolo ha moderato successo nella gestione dell’aborto ritenuto, ma può essere necessaria una seconda dose con allungamento dei tempi di completamento dell’aborto.
  • Uno studio pragmatico open-label aveva suggerito che il pretrattamento con mifepristone aumentasse le probabilità di successo.
  • Lo studio randomizzato mostra che l’associazione dei due farmaci è sicura ed efficace ed è superiore al solo misoprostolo.