Coletto (Umbria), 'su rischio tessere senza microchip correre ai ripari'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 30 ago. (Adnkronos Salute) - "Si deve correre al più presto ai ripari, non possiamo tornare certo ai codici a barre per le prenotazioni. Per ora in Umbria non abbiamo ritorni negativi ma è un problema che va affrontato". Così all'Adnkronos Salute Luca Coletto, responsabile sanità della Lega e assessore alla Sanità dell'Umbria, interviene sull'allarme per la produzione di microchip e il rischio che manchino per le prossime tessere sanitarie mettendo in crisi il sistema di prenotazione di visite ed esami. "Il mio auspicio è che qualche azienda italiana intervenga in aiuto, il microprocessore è stato inventato da un vicentino, Federico Faggin, ora negli Stati Uniti. Diciamo che non siamo gli ultimi arrivati", ricorda Coletto.

"Ecco, visto anche il nostro contributo, la speranza è che si muova il sistema industriale del Paese e il Mef, purtroppo le Regioni sono parte lesa in questo problema", conclude l'assessore.