Cittadini (Aiop), 'oltre 10mila posti letto messi a disposizione, determinanti'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 22 feb. (Adnkronos Salute) - Le strutture della sanità privata "hanno avuto un ruolo determinante nel contrasto alla malattia e hanno messo a disposizione un numero rilevante di posti letto per pazienti Covid, quasi 1.000 per terapie intensive e sub-intensive e 9.400 per acuti e post-acuti. Un’esperienza virtuosa, che deve essere replicata e integrata in modo stabile nel nostro Ssm, sia nella gestione di una straordinarietà ancora in corso sia nel recupero di una ordinarietà sacrificata più del necessario". Lo ha detto Barbara Cittadini, presidente dell'Aiop (l’Associazione italiana ospedalità privata), che oggi ha presentato al ministero della Salute il 19esimo rapporto sull’attività ospedaliera in Italia 'Ospedali&Salute', realizzato in collaborazione con Ermeneia – Studi & Strategie di Sistema.

"Resta decisiva, in ogni caso, una comunicazione che sappia orientare i comportamenti individuali verso scelte di responsabilità sociale. Nel tempo, si sono sviluppati 21 sistemi sanitari differenti, fortemente eterogenei in efficienza ed efficacia. Nel 2021, il sistema ospedaliero italiano ha mostrato una crescita nell’offerta delle prestazioni, che però non ha interessato l’intero Paese - ha rimarcato Cittadini - Bisogna ripensare il Ssn, valorizzando la sinergia tra le strutture di diritto pubblico e quelle di diritto privato, recuperando l’idea della ‘salute come investimento’ e non più come puro costo".