Città Speranza e Ail Padova, raccolta fondi per bimbi con tumori

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 10 mar. (Adnkronos Salute)() - La Fondazione Città della Speranza e l'Ail (Associazione italiana contro leucemie, linfomi e mieloma) di Padova hanno aperto un conto corrente per raccogliere donazioni a favore dei bambini ucraini con malattie oncologiche, ricoverarti a Kiev e nelle principali città del Paese colpito dalla guerra. I contributi serviranno a trasferire in Italia i piccoli pazienti e le loro famiglie, affinché possano essere ospitati in strutture cittadine e curati adeguatamente nella clinica di Oncoematologia pediatrica dell'azienda ospedaliera padovana.

"Di fronte ad una tragedia come la guerra, dobbiamo mettere in campo tutte le nostre forze - affermano Franco Masello, fondatore della Città della Speranza, Andrea Camporese, presidente, ed Eugenio Brusutti, presidente Ail Padova - Questi bambini e le loro famiglie stanno combattendo una battaglia durissima contro la malattia ed ora anche contro un conflitto assurdo e improvviso. Non possiamo lasciarli soli. Grazie alla disponibilità del presidente della Regione, Luca Zaia, dell'assessore alla Sanità, Manuela Lanzarin, e alla collaborazione dell'Ao di Padova, ci stiamo muovendo assieme ad altre realtà no profit che operano in Ucraina, tra le quali Soleterre, per trasferire nel più breve tempo possibile i bambini nei nostri ospedali regionali. Abbiamo bisogno del sostegno di chiunque, perché anche un piccolo gesto fa la differenza. Una guerra è già di per sé qualcosa di spaventoso. Possiamo soltanto immaginare che cosa significhi per un bambino e per i suoi genitori essere costretto in ospedale da una malattia grave e sentire attorno a se i combattimenti e le privazioni di un conflitto. L'aiuto e la solidarietà non hanno confini per chi ha a cuore il futuro dei più piccoli. Diamo loro una speranza di cura e di vita", esortano i promotori della sottoscrizione.

Chiunque volesse scendere al fianco di Ail Padova e Città della Speranza per aiutare i bambini ucraini - informa una nota - può versare il proprio contributo con un bonifico bancario attraverso l'Iban IT10 D0585660 7501 7857 1484 506, causale 'Aiuto ai bambini ucraini', appositamente attivato, oppure telefonando alla volontaria Laura Carbognin (+39 347 514 5461) dell'Ail o al numero 049 964 0190 della Città della Speranza.