Cirrosi: lo screening dell’HCC non riduce la mortalità legata al tumore

  • Gastroenterology

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Lo screening del carcinoma epatocellulare (hepatocellular carcinoma, HCC) mediante esame ecografico addominale (abdominal ultrasound scan, USS), alfa-fetoproteina (AFP) sierica o entrambi non è associato a una riduzione del rischio di mortalità correlata all’HCC nei pazienti cirrotici.

Perché è importante

  • I pazienti cirrotici presentano un rischio dell’1%–8% di sviluppare HCC.
  • La maggior parte delle società epatiche professionali raccomanda lo screening dell’HCC ogni 6 mesi nei pazienti cirrotici, nonostante pochi dati evidenzino un beneficio.

Disegno dello studio

  • Studio caso-controllo di pazienti appartenenti al sistema sanitario Veterans Affairs (VA) statunitense.
  • Pazienti con HCC e cirrosi da ≥4 anni prima della diagnosi del tumore deceduti a causa di HCC (n=238; casi) o sopravvissuti (n=238; pazienti di controllo).
  • Finanziamento: National Institutes of Health.

Risultati principali

  • Entrambi i gruppi sono stati sottoposti a un numero simile di screening durante il periodo di 4 anni prima della diagnosi.
  • Nessuna differenza tra gruppi nel numero di pazienti sottoposti a screening mediante USS (OR: 0,95; IC 95%: 0,66–1,37), AFP (OR: 1,07; IC 95%: 0,70–1,65) o entrambe (OR: 1,12; IC 95%: 0,70–1,81) entro 4 anni prima della data indice.
  • Secondo l’analisi multivariabile, non emerge alcuna associazione tra screening 0–4 anni prima della diagnosi di tumore e mortalità dell’HCC (USS, OR: 0,95 [IC 95%: 0,63–1,43]; AFP, OR: 1,08 [IC 95%: 0,67–1,75]; USS o AFP, OR: 1,11 [IC 95%: 0,68–1,82]).

Limiti

  • Popolazione dello studio interamente maschile.