Cimo-Fesmed, bene Grillo su specializzazione medici


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 2 apr. (AdnKronos Salute) - E' "convincente" l'idea di riforma del percorso di specializzazione dei medici italiani che emerge dalle dichiarazioni del ministro della Salute Giulia Grillo, secondo la Federazione Cimo-Fesmed. Questo perché "si esclude il doppio binario e riconducono il percorso ad un unico canale formativo che assicuri omogeneità della formazione su tutto il territorio nazionale", si legge in una nota della federazione. Grillo si è detta convinta che "sia finalmente ora di aggiornare il contratto di formazione specialistica, elevandolo a vero e proprio contratto di formazione-lavoro".

"Riteniamo che la riforma delle specializzazioni mediche - continua la nota - possa avvenire attraverso un contratto di formazione-lavoro a tempo determinato che consenta, previa costante verifica, di acquisire competenze sul campo utili all’inserimento nel mondo del lavoro. L’auspicato concetto di ospedale di formazione consentirebbe allo specializzando di svolgere progressive attività assistenziali integrative che potranno diventare sostitutive, previa acquisizione del titolo di specialità, con successivo accesso attraverso pubblico concorso".

"Immaginiamo dunque - conclude la Federazione Cimo Fesmed - che il canale unico possa richiedere, come per il doppio canale, una prima fase di transizione e, in ogni caso, che tutti i medici specializzandi avrebbero le stesse garanzie, gli stessi indirizzi di studio, non sarebbero assoggettati a 'libere interpretazioni' locali. E che soprattutto avrebbero la possibilità di acquisire, lavorando, quelle competenze sul campo che oggi stentano ad ottenere. Il giusto equilibrio tra finanziamento statale e regionale/aziendale consentirebbe di abbattere l’attuale imbuto formativo che ha generato decine di migliaia di medici a cui è stato precluso l’accesso alle scuole di specializzazione per mancanza di borse di studio. Attendiamo ora l'invito ad un costruttivo confronto per definire le proposte di riforma nel modo più corretto ed efficace", conclude il sindacato.