Chieti, al via task force militari per vaccinazioni a casa

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 21 apr (Adnkronos Salute) - L’équipe vaccinale arriva a casa 'in mimetica'. Da oggi in provincia di Chieti è attiva una task force del Comando logistico dell’esercito che ha accolto la richiesta di collaborazione avanzata dal presidente della Giunta regionale Marco Marsilio al Commissario per l’emergenza Covid Generale Francesco Paolo Figliuolo. Nell’ambito dell’operazione 'Eos' del Comando di vertice Interforze della Difesa sono state destinate all’Abruzzo un medico, due infermiere e un autista a supporto delle vaccinazioni.

"Così come nella prima fase dell’emergenza siamo intervenuti per dare man forte all’Aquila per l’esecuzione dei tamponi - ha spiegato l’Assessore regionale alla Salute Nicoletta Verì - ora è la volta della provincia di Chieti. Con i suoi 104 Comuni, molti dei quali in montagna e collegati da una rete viaria non proprio agevole, è in tutta evidenza il territorio che può giovarsi di un supporto nella campagna vaccinale, soprattutto quella domiciliare per gli assistiti per i quali ricorrono condizioni di grave rischio a lasciare il proprio domicilio”.

La prima tappa della 'missione vaccinale'” è nell’area del Sangro-Aventino, dove sono stati raggiunti i primi utenti nel proprio domicilio a Torricella Peligna, Gessopalena e Montenerodomo, con l'obiettivo di somministrare circa 25 dosi al giorno, al netto dei tempi necessari per raggiungere le diverse abitazioni, spesso ubicate nelle contrade e lontane dai centri urbani. "Il sostegno offerto alla nostra campagna di vaccinazione è prezioso - ha evidenziato il Direttore generale della Asl Lanciano-Vasto-Chieti Thomas Schael- perché dobbiamo coprire un territorio assai vasto e caratterizzato da una viabilità non agevole. Operare con le nostre sole forze comporterebbe inevitabilmente tempi più lunghi, ma grazie a questa collaborazione possiamo tutelare anche le persone delle aree interne impossibilitate a raggiungere i nostri centri vaccinali".