Chemioterapia + radioterapia interna selettiva si rivelano promettenti come terapia di prima linea nel colangiocarcinoma intraepatico

  • Edeline J & al.
  • JAMA Oncol
  • 31/10/2019

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La radioterapia interna selettiva (selective internal radiotherapy, SIRT) combinata con cisplatino/gemcitabina determina una riduzione dello stadio del tumore che consente il trattamento chirurgico in alcuni pazienti affetti da colangiocarcinoma intraepatico non operabile (inoperable intrahepatic cholangiocarcinoma, ICC).

Perché è importante

  • Si tratta del primo studio prospettico a combinare SIRT e chemioterapia in questa popolazione.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 2, in aperto, a gruppo singolo (MISPHEC; n=41) di pazienti con ICC non operabile che non erano mai stati sottoposti a chemioterapia o terapia intra-arteriosa.
  • Otto cicli di 21 giorni di terapia di prima linea con cisplatino (25 mg/m2) e gemcitabina (1.000 mg/m2; giorni 1 e 8).
  • La dose di gemcitabina è stata ridotta a 300 mg/m2 nei cicli durante e dopo la SIRT.
  • I casi con malattia in entrambi gli emifegati hanno ricevuto SIRT durante i cicli 1 e 3, mentre quelli con malattia in un solo emifegato hanno ricevuto SIRT durante il ciclo 1.
  • La SIRT è stata somministrata usando microsfere di vetro con Y90.
  • Finanziamento: BTG; Ligue Contre le Cancer.

Risultati principali

  • Tasso di risposta obiettiva a 3 mesi del 39% (IC 90%: 26%–53%); tasso di controllo della malattia del 98% (IC 95%: 89%–99%).
  • Sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana di 14 mesi (IC 95%: 8–17 mesi).
  • Sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana di 22 mesi (IC 95%: 14–52 mesi); OS a 12 mesi del 75% (IC 95%: 62%–89%); OS a 24 mesi del 45% (IC 95%: 30%–61%).
  • 9 pazienti (22%) hanno ottenuto una riduzione dello stadio che ha consentito il trattamento chirurgico; 8 di essi sono stati sottoposti a resezione R0. L’OS post-chirurgica era dell’88,9% a 12 mesi e dell’88,9% a 24 mesi.

Limiti

  • Studio in aperto, popolazione di piccole dimensioni.