Cgil Cisl Uil medici, senza contratto e assunzioni pronti a sciopero


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 17 set. (AdnKronos Salute) - "Senza contratto e assunzioni. E' ora di scendere in piazza". E' la presa di posizione di Fp Cgil medici e dirigenti Ssn, Cisl medici e Uil Fpl medici che annunciano: "Se non avremo immediate risposte nelle prossime settimane, con precisi impegni di risorse per la sanità pubblica, per il contratto e per le assunzioni a partire dai precari, non ci resta che entrare unitariamente in stato di agitazione e scendere in piazza, senza escludere anche la possibilità dello sciopero".

Per i sindacati "la misura è colma. I medici e i dirigenti sanitari che quotidianamente garantiscono le prestazioni ospedaliere e territoriali nei presidi pubblici sono ormai esasperati da una situazione che rischia di diventare sempre più drammatica".

"Il progressivo definanziamento della sanità pubblica rispetto al Pil - sostengono Andrea Filippi della Fp Cgil medici e dirigenti Ssn, Biagio Papotto della Cisl medici e Roberto Bonfili della Uil Fpl medici - sta impoverendo gli ospedali e i servizi territoriali, con i medici insieme a tutti gli altri operatori del Ssn lasciati sempre più soli, con i cittadini costretti a rivolgersi al privato, per chi può. Dopo quasi 10 anni senza contratto, i dirigenti medici e sanitari sembrano dimenticati da Governo e Regioni, in condizioni di lavoro diventate ormai inaccettabili. Turni sempre più massacranti, servizi accorpati, ridotti o chiusi".

Le trattative per il rinnovo contrattuale, fanno sapere i sindacati, "si trascinano lentamente solo per la parte tecnica, mentre Governo e Regioni non affrontano i nodi politici e continuano a non rispondere sulla certezza delle risorse, così come garantite per tutto il pubblico impiego, sulla valorizzazione delle parti accessorie a partire dal merito, dell'indennità di esclusività e della Ria".

Inoltre, "a fronte di scellerate politiche del blocco del turno over e di imbuto formativo per migliaia di medici che non riescono ad accedere alle Scuole di specializzazione per mancanza di posti, si rischia, anche in previsione della possibile introduzione della cosiddetta quota 100 per la pensione, una desertificazione del personale del Ssn", concludono.