Cellule progenitrici circolanti e proteoglicani


  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SISA Societa' Italiana per lo Studio della Aterosclerosi

Cellule progenitrici circolanti e proteoglicani

Le cellule progenitrici circolanti (CPC), caratterizzate come CD34+, sono più elevate in soggetti con ipertensione, mentre nei fumatori o in soggetti con malattie infiammatorie croniche hanno livelli più bassi rispetto ai controlli sani. Molti fattori possono modulare il numero di CPC. Alcuni studi hanno mostrato che la terapia con CPC può ridurre il danno vascolare, ma ad oggi non c’è ancora consenso su questo argomento. È possibile ipotizzare l’utilizzo della conta assoluta di CPC come    biomarcatore.
Altri componenti considerati rilevanti sono i proteoglicani, in particolare il biglicano, che ha mostrato una correlazione con danno ateromasico. La sua espressione aumenta in determinate condizioni; ad esempio nei soggetti ipertesti si è osservata aumentata espressione di biglicano monociti. Biglicano sembra essere coinvolto nel legame con le LDL, favorendo la loro modificazione nella parete vasale, ma si è ipotizzato che possa funzionare anche come segnale a distanza. Sono tuttavia necessari altri studi per verificare la possibilità di utilizzarlo come biomarcatore. - Scarica il documento completo in formato PDF