Carcinoma uroteliale: gemcitabina + oxaliplatino possono essere un’opzione accettabile per i pazienti non idonei al cisplatino

  • Park I & et al.
  • Eur J Cancer
  • 24/10/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti con tumore delle cellule uroteliali (urothelial cell cancer, UCC) in stadio avanzato naïve al trattamento e non idonei al cisplatino, gemcitabina + oxaliplatino ottengono esiti oncologici simili e un profilo di tossicità ematologica favorevole rispetto a gemcitabina + carboplatino.
  • La neuropatia sensoriale periferica risulta più comune con gemcitabina + oxaliplatino.

Perché è importante

  • Trattare i pazienti non idonei al cisplatino è difficile; gemcitabina + oxaliplatino possono rappresentare una nuova opzione per questi pazienti.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 2 COACH di 80 pazienti con UCC in stadio avanzato naïve al trattamento, non idonei al cisplatino e assegnati casualmente a gemcitabina + oxaliplatino o gemcitabina + carboplatino.
  • Endpoint primario: tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR).
  • Finanziamento: Asan Institute for Life Sciences, Asan Medical Center.

Risultati principali

  • La durata mediana del follow-up era di 37,8 mesi.
  • Nessuna differenza tra gruppo trattato con gemcitabina + carboplatino e quello trattato con gemcitabina + oxaliplatino in termini di:
    • ORR, 48,7% rispetto a 55,0% (P=.742);
    • sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana, 5,5 rispetto a 4,4 mesi (HR=0.92; P=0,756);
    • sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana, 9,1 rispetto a 11,0 mesi (HR=0.72; P=0,194);
    • durata mediana della risposta, 4,2 rispetto a 4,8 mesi (HR= 0.62; P=0,169).
  • Leucopenia (25,6% vs. 2,5%; P=0,003), neutropenia (33,3% vs. 10,0%; P=0,014) e stanchezza (15,4% vs. 0,0%; P=0,012) di grado ≥3 erano più comuni con gemcitabina + carboplatino.
  • La neuropatia sensoriale periferica era più comune nel gruppo trattato con gemcitabina + oxaliplatino (P

Limiti

  • Disegno in aperto.