Carcinoma mammario allo stadio iniziale: gli integratori a base di acidi grassi omega-6 riducono l’affaticamento correlato al cancro

  • Peppone LJ & al.
  • JNCI Cancer Spectr
  • 01/06/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Gli acidi grassi polinsaturi omega-6 (omega-6 polyunsaturated fatty acid, O6-PUFA) riducono i livelli di stanchezza più degli O3-PUFA nelle pazienti con carcinoma mammario allo stadio iniziale (early breast cancer, eBCa) che lamentano affaticamento correlato al cancro (cancer-related fatigue, CRF).

Perché è importante

  • L’affaticamento correlato al cancro è molto comune e normalmente di breve durata; tuttavia, nel 20%–35% delle pazienti diventa cronico e difficile da trattare.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione multicentrica, randomizzata, in doppio cieco di 97 pazienti affette da eBCa 4–36 mesi post-trattamento con un punteggio di CRF ≥4 in base all’inventario dei sintomi (symptom inventory, SI; intervallo: 0–10, dove 10 è il punteggio peggiore).
  • Assegnamento casuale a 1 di 3 gruppi per 6 settimane: O6-PUFA (capsule di olio di semi di soia, 6 g/die), O3-PUFA (capsule di olio di pesce, 6 g/die) o una combinazione a basso dosaggio di O3-/O6-PUFA (3 g/die di capsule di olio di pesce e olio di semi di soia).
  • Il CRF è stato valutato mediante gli strumenti SI, inventario breve dell’affaticamento (Brief Fatigue Inventory, BFI) e indice multidimensionale dei sintomi di affaticamento (Multidimensional Fatigue Symptom Index, MFSI).
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH).

Risultati principali

  • Il gruppo trattato con O6-PUFA ha evidenziato una riduzione maggiore dell’affaticamento secondo il SI rispetto al gruppo trattato con O3-PUFA (differenza media: -1,58; entità dell’effetto [effect size, ES]: -0,86; P
  • Sono state inoltre osservate riduzioni non significativamente maggiori anche nei questionari BFI e MFSI.
  • Nel sottogruppo con affaticamento grave (≥7), i soggetti che hanno ricevuto O6-PUFA hanno evidenziato una riduzione maggiore dell’affaticamento in base al SI (ES: -1,19; P=0,01), della sonnolenza diurna in base al SI (ES: -0,71; P

Limiti

  • Campioni di piccole dimensioni.