Carcinoma basocellulare localmente avanzato: vismodegib evidenzia un tasso di risposta dell’85% dopo l’interruzione della terapia e la recidiva

  • Herms F & al.
  • J Clin Oncol
  • 14/10/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti con carcinoma basocellulare localmente avanzato (locally advanced basal cell carcinoma, LA-BCC) che interrompono la terapia con vismodegib e subiscono recidiva il ritrattamento è associato a un tasso di risposta obiettiva dell’85%, secondo uno studio retrospettivo.

Perché è importante

  • Gli eventi avversi associati a vismodegib portano spesso all’interruzione della terapia.

Risultati principali

  • La sopravvivenza libera da recidiva (relapse-free survival, RFS) mediana dei pazienti che hanno interrotto l’assunzione di vismodegib era di 18,4 mesi (IC 95%: 13,5–24,8 mesi); la RFS a 36 mesi era del 35,4% (IC 95%: 22,5%–47,9%).
  • Il BCC agli arti/al tronco era associato a un aumento del rischio di recidiva (HR: 2,77; P=0,019).
  • Il 50% dei pazienti che hanno subito recidiva è stato trattato nuovamente con vismodegib, con un tasso di risposta obiettiva dell’85% (37% risposta completa, 48% risposta parziale) e idoneità al trattamento chirurgico nel 42% dei casi.

Disegno dello studio

  • Sono stati analizzati la RFS e gli effetti del trattamento successivo di 116 pazienti con LA-BCC che avevano originariamente ottenuto una risposta completa con vismodegib, ma avevano successivamente interrotto la terapia.
  • 27 pazienti che hanno subito recidiva sono stati trattati nuovamente con vismodegib.
  • Finanziamento: Roche Laboratories.

Limiti

  • Studio con disegno retrospettivo.
  • Campione di pazienti di piccole dimensioni.