Carcinoma a cellule squamose dell’esofago: nivolumab in combinazione rispetto alla chemioterapia

  • Doki Y & al.
  • N Engl J Med

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

La terapia di prima linea con nivolumab più chemioterapia e con nivolumab più ipilimumab aumenta significativamente la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) rispetto alla sola chemioterapia nel carcinoma a cellule squamose dell’esofago in stadio avanzato.

Perché è importante

  • La terapia standard con fluoropirimidina più chemioterapia a base di platino per il carcinoma a cellule squamose dell’esofago in stadio avanzato o metastatico spesso ottiene una scarsa sopravvivenza (mediana <1 anno).

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 3, in aperto CheckMate 648 (n=970).
  • Finanziamento: Bristol Myers Squibb; Ono Pharmaceutical.

Risultati principali

  • Dopo un follow-up minimo di 13 mesi la OS è risultata di 15,4 mesi con nivolumab + chemioterapia rispetto a 9,1 mesi con sola chemioterapia nei pazienti con ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata (programmed death-ligand 1, PD-L1) ≥1% (HR=0,54; IC 99,5%, 0,37–0,80; P<0,001).
  • La OS della popolazione complessiva è risultata di 13,2 mesi con nivolumab + chemioterapia rispetto a 10,7 mesi con la sola chemioterapia (HR=0,74; IC 99,1%, 0,58–0,96; P=0,002).
  • La OS dei pazienti con PD-L1 ≥1% è risultata di 13,7 mesi con nivolumab + ipilimumab rispetto a 9,1 mesi con chemioterapia (HR= 0,64; IC 98,6%, 0,46–0,90; P=0,001) e di 12,7 mesi rispetto a 10,7 mesi nella popolazione complessiva (HR=0,78; IC 98,2%, 0,62–0,98; P=0,01).
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) è risultata maggiore con nivolumab + chemioterapia rispetto alla sola chemioterapia nei pazienti con PD-L1 ≥1% (HR=0,65; IC 98,5%, 0,46–0,92; P=0,002), ma non con nivolumab + ipilimumab rispetto alla chemioterapia.
  • Gli eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4 sono risultati del 47% con nivolumab + chemioterapia, del 32% con nivolumab + ipilimumab e del 36% con sola chemioterapia.

Limiti

  • Disegno in aperto.
  • Gli HR in alcuni sottogruppi erano vicini a 1 o >1.