Cabozantinib si rivela promettente per le metastasi ossee nei tumori mammari HR+

  • Xu J & al.
  • Oncologist
  • 28/05/2020

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • In una sperimentazione di fase 2 di cabozantinib, un potente inibitore tirosin-chinasico multirecettoriale orale, è stata osservata una risposta parziale delle metastasi ossee nel 38% delle pazienti con tumori mammari positivi per i recettori ormonali (hormone receptor, HR).

Perché è importante

  • Fino al 75% delle pazienti con tumori mammari metastatici presenta metastasi ossee e tale percentuale è persino maggiore nel sottogruppo con tumori HR+.
  • Questa sperimentazione di fase 2 di cabozantinib è sufficientemente promettente da giustificare la progressione a una sperimentazione di fase 3.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 2 (N=52) di cabozantinib a una dose iniziale di 100 mg, successivamente ridotta a 60 mg/die per 12 settimane.
  • Esito primario: risposta in base a una scintigrafia ossea con isotopo radioattivo, misurata mediante la variazione percentuale rispetto al basale secondo 4 categorie:
    • risposta completa;
    • risposta parziale (riduzione ≥30%);
    • malattia stabile (risposta compresa tra una riduzione
    • malattia progressiva (aumento ≥20%).
  • Finanziamento: Exelixis, Inc.

Risultati principali

  • Il 38,5% delle 52 pazienti ha ottenuto una risposta parziale; l’11,5% presentava malattia stabile.
  • Il 36,5% delle pazienti ha interrotto il trattamento prima di 12 settimane a causa di progressione precoce o tossicità inaccettabile.
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana era di 4,3 mesi.
  • La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana era di 19,6 mesi.
  • Le tossicità di grado 3 o 4 più frequenti erano:
    • ipertensione (10%);
    • anoressia (6%);
    • diarrea (6%);
    • stanchezza (4%);
    • ipofosfatemia (4%).

Limiti

  • Alto tasso di interruzioni.
  • Piccolo campione.
  • Disegno a gruppo singolo, in aperto.