Buone notizie sul fronte della nefropatia cronica


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • La malattia renale cronica (MRC) ha un effetto importante sulla salute a livello globale, sia come causa diretta di mortalità e morbilità, sia come fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.
  • Nei Paesi dell’Europa Occidentale, si è osservata una grande variabilità nell’andamento di prevalenza e mortalità nell’ultimo trentennio.
  • In Italia, dal 1990 al 2017 prevalenza e mortalità sono diminuite in modo consistente.

 

Descrizione dello studio

  • I dati sono stati raccolti dalla letteratura, dai registri anagrafici, dai registri dei pazienti con malattia renale allo stadio terminale e da indagini svolte presso le famiglie.
  • È stato calcolato il burden della MRC (incidenza, prevalenza, mortalità ecc.) per le varie nazioni e aree geografiche.
  • È stata stimata la quota delle malattie cardiovascolari attribuibile all’insufficienza renale.
  • Fonte di finanziamento: Bill & Melinda Gates Foundation.

 

Risultati principali

  • Nel 2017, nel mondo si sono verificati 1,2 milioni di decessi causati dalla MRC.
  • Sono stati registrati 697,5 milioni di casi di MRC; la prevalenza al livello globale era pari al 9,1%.
  • Gli anni di vita corretti per la disabilità (DALYs) sono stati 35,8 milioni, un terzo dei quali dovuti alla nefropatia diabetica.
  • La MRC colpisce in particolare i paesi a basso e medio reddito.
  • 1,4 milioni di decessi per malattia cardiovascolare e 25,3 milioni di DALYs per malattia cardiovascolare erano attribuibili a insufficienza renale.
  • In Europa Occidentale, prevalenza e mortalità dal 1990 al 2017 sono molto aumentate in Austria e Danimarca e molto diminuite in Spagna e in Grecia.
  • In Italia, la prevalenza standardizzata per l’età era di circa 5.000 casi per 100.000; con una riduzione del 9,2% dal 1990 al 2017.
  • In Italia, la mortalità standardizzata per l’età era di circa 7 decessi per 100.000; con una riduzione del 19,5% dal 1990 al 2017.

 

Perché è importante

  • L’invecchiamento della società e l’aumento della prevalenza di fattori di rischio, come diabete e ipertensione, richiedono un aumento della consapevolezza riguardo alla MRC e l’investimento di risorse adeguate per prevenirla e trattarla.