Bonus medici specializzandi, ok a ordine del giorno in Lombardia


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 4 mag. (Adnkronos Salute) - E' stato approvato oggi nell'Aula del Consiglio regionale della Lombardia un ordine del giorno a prima firma Elisabetta Strada (Lombardi civici europeisti), che chiede di "mettere in atto tutte le azioni possibili - riferisce Lce - per un riconoscimento economico dei medici specializzandi privi di contratto e muniti di sola borsa di studio, perché anche a loro va riconosciuto un incentivo economico, o il riconoscimento della retta universitaria, per il grande lavoro svolto in prima linea e i rischi che hanno corso e tuttora continuano a correre durante l'emergenza Covid-19".

"Abbiamo ritenuto doveroso che nel protocollo fossero inseriti anche gli specializzandi - dichiarano Elisabetta Strada e Niccolò Carretta, consiglieri regionali di Lce - a integrazione di quanto già sottoscritto il 29 aprile nel protocollo d'intesa tra la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano e le organizzazioni sindacali Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl". Protocollo che, ricorda una nota, prevede l'individuazione e la destinazione di specifiche risorse finalizzate a remunerare le particolari condizioni dei lavoratori a contratto - medici, infermieri, radiologi e operatori socio sanitari (Oss) - impegnati nell'emergenza Covid-19 negli enti e nelle aziende del Servizio sanitario nazionale. Regioni e sindacati, con il protocollo, hanno infatti chiesto di riconoscere "la grande professionalità, la capacità di adattamento organizzativo e la dedizione al lavoro degli operatori", attraverso un pacchetto di interventi "che incrementi in misura sensibile le risorse disponibili, anche con un ulteriore stanziamento da parte del Governo".

"Peccato che, essendo rivolto solo a chi ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato - osservano i consiglieri Lce - l'accordo si fosse completamente dimenticato di quei medici specializzandi titolari di sola borsa di studio. Per questo abbiamo richiesto di contemplarli nel bonus, in caso anche con formule innovative ad hoc, come per esempio un provvedimento alternativo per il pagamento della retta universitaria".