Biopsia prostatica mirata e sistematica a confronto per il tumore della prostata


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In pazienti naive per la biopsia prostatica, una biopsia mirata (BM) guidata da risonanza magnetica multiparametrica (RMmp) porta a tassi di diagnosi più elevati per tumori della prostata in generale, tumori clinicamente significativi e tumori di alto grado rispetto alla biopsia sistematica (BS) standard.
  • I risultati suggeriscono che la biopsia sistematica potrebbe essere omessa senza rischi nei pazienti che si sottopongono a RMmp.
  • I dati dello studio rafforzano le prove a supporto dell’uso della RMmp come strumento per la stratificazione del rischio in uomini naive per la biopsia, con una RMmp positiva che potrebbe portare a un maggior tasso di identificazione di tumori clinicamente significativi.

Descrizione dello studio

  • Analizzando diversi database di letteratura scientifica dall’inizio e fino al 2019, due autori hanno identificato 1.951 referenze uniche e 100 manoscritti sono stati analizzati per intero.
  • I dati sono stati aggregati con modelli a effetti casuali.
  • Sono stati inclusi nella metanalisi finale 29 studi, per un totale di 13.845 pazienti.

Risultati principali

  • L’uso della BM con RMmp si associa a un tasso di diagnosi di qualunque tumore della prostata del 15% più alto (P
  • Anche le diagnosi di tumore prostatico clinicamente significativo e di alto grado sono risultate più comuni nel gruppo sottoposto a BM con RMmp (differenza di rischio, rispettivamente, 11% con P=0,05 e 2% con P=0,005).
  • Non sono emerse differenze tra i due tipi di biopsia nella diagnosi di tumori non clinicamente significativi.
  • L’esclusione della BS nel gruppo BT con RMmp ha portato a una riduzione delle diagnosi di tumori non clinicamente significativi, senza modificare la diagnosi dei tumori clinicamente significativi e di alto grado.

Limiti dello studio

  • La procedura di biopsia con RMmp non è standardizzata.
  • I confronti inclusi nella revisione sono molto eterogenei.
  • I risultati potrebbero non essere generalizzabili a uomini con precedenti biopsie negative e ad altre popolazioni a livello globale.
  • L’analisi è applicabile solo a uomini con RMmp positiva.

Perché è importante

  • Fino a poco tempo fa l’esame standard per la diagnosi di tumore prostatico è stata la biopsia sistematica standard di campioni prostatici in punti predefiniti.
  • Per i suoi limiti intrinseci, l’esame potrebbe portare a una mancata diagnosi di tumori clinicamente significativi.
  • L’introduzione della RMmp ha cambiato lo scenario, permettendo di effettuare una biopsia mirata.
  • Effettuare la sola biopsia mirata porterebbe vantaggi clinici ed economici.