Bevacizumab migliora la sopravvivenza nell’NSCLC con metastasi cerebrali

  • Ascha MS & al.
  • Sci Rep
  • 28/11/2019

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Bevacizumab è associato a una mortalità significativamente inferiore dei pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) e metastasi cerebrali sincrone (sincronous brain metastasis, SBM).

Perché è importante

  • Sebbene bevacizumab sia approvato per il trattamento dell’NSCLC, il suo uso nei pazienti affetti da NSCLC con SBM non è stato studiato sufficientemente.

Disegno dello studio

  • 747 pazienti con NSCLC del database Surveillance, Epidemiology, and End Results.
  • Finanziamento: Central Brain Tumor Registry of the United States e altri.

Risultati principali

  • 81 pazienti avevano SBM e 666 no.
  • L’adenocarcinoma era il tipo di tumore più comune (75,3% dei pazienti con SBM e 70,7% dei pazienti senza).
  • Secondo l’analisi multivariabile bevacizumab era associato a una riduzione significativa della mortalità dei pazienti con SBM (aHR: 0,75; P=0,020).
  • È stata inoltre osservata una diminuzione della mortalità della popolazione complessiva, sebbene non fosse così pronunciata come quella osservata nei pazienti con SBM (aHR: 0,88; P=0,003).
  • Il vantaggio in termini di sopravvivenza persisteva dopo l’appaiamento in base all’indice di propensione (HR SBM: 0,66; P=0,012 e HR della popolazione complessiva: 0,71; P

Limiti

  • Studio retrospettivo.