Bere tè potrebbe proteggere contro i tumori gastrici

  • Martimianaki G & al.
  • Br J Cancer

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il consumo di tè evidenzia un debole effetto protettivo contro i tumori gastrici.

Perché è importante

  • Studi precedenti sul ruolo del consumo di tè nel rischio di sviluppare tumori gastrici hanno avuto risultati contrastanti.
  • Questi risultati si basano su un ampio insieme di dati di un consorzio globale.

Disegno dello studio

  • Analisi aggregata di 22 studi (9.438 casi e 20.451 pazienti di controllo).
  • Finanziamento: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro; Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori.

Risultati principali

  • Il rapporto di probabilità corretto (adjusted odds ratio, aOR) aggregato per i soggetti che bevevano tè regolarmente rispetto a quelli che non bevevano di tè regolarmente è risultato 0,91 (IC 95%, 0,85–0,97).
  • L’aOR per il consumo di 1–2 tazze al giorno è risultato 1,01 (IC 95%, 0,94–1,09).
  • L’aOR per il consumo di 3 tazze al giorno è risultato 0,91 (IC 95%, 0,80–1,03).
  • Questa associazione inversa è risultata evidente per i tumori del cardias (aOR=0,64; IC 95%, 0,49–0,84), i tumori non del cardias (aOR=0,77; IC 95%, 0,66–0,90) e quelli di tipo istologico intestinale (aOR=0,76; IC 95%, 0,63–0,92).
  • Non sono state osservate associazioni per i tumori di tipo istologico diffuso e misto/non specificato.
  • In studi condotti in Cina e Giappone (dove si consuma tè verde), l’aOR è risultato 0,67 (IC 95%, 0,49–0,91).
  • Nei pazienti con infezione da Helicobacter pylori, l’aOR è risultato 0,68 (IC 95%, 0,58–0,80).

Limiti

  • Studi prevalentemente retrospettivi.
  • Eterogeneità nella valutazione del consumo di tè.
  • In alcuni studi, piccoli effetti potrebbero essere causati da distorsione o mancanza di controllo dei fattori confondenti.