Bellantone, 'con Columbus Covid 2 Hospital Lazio pronto a emergenza'


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 16 mar. (AdnKronos Salute) - "La Regione Lazio ha fatto tesoro di quello che è successo in Lombardia, e quindi sta affrontando in tempi consoni l'organizzazione delle strutture capaci di recepire i soggetti anche con gravità maggiore. La prima lezione è stata quindi non farsi travolgere sulla disponibilità di posti letto e non dover rabbrividendo sentire le parole di dover scegliere tra un malato e l'altro". Così ai microfoni di 'Uno Mattina' Rocco Bellantone, preside della Facoltà di Medicina dell'Università Cattolica di Roma, direttore Governo clinico Fondazione Gemelli e responsabile del progetto Columbus Covid 2 Hospital, pronto da oggi ad accogliere i pazienti Covid-19 positivi.

"Questa struttura - evidenzia - rappresenta la voglia di reagire da parte degli italiani in generale e del personale sanitario in particolare. Devo dire grazie perché si è riusciti a iniziare oggi in tempi ristrettissimi. Riveste poi il significato fondamentale di avere da oggi 21 letti di terapia intensiva in più e 35 letti in stanza singola di degenza; il 23 marzo apriremo altri 38 posti letto di degenza medica e al 30 marzo l'opera sarà completa, per cui avremo un ospedale con quasi 60 posti letto in terapia intensiva e 80 letti in stanza singola di degenza medica, con la possibilità quindi di aumentare queste cifre qualora si potessero sistemare due pazienti per stanza".

"L'impresa - prosegue Bellantone - è rappresentata anche dal grande lavoro del nostro Ufficio acquisti, perché reperire i respiratori e tutta la strumentazione per attrezzare al meglio questo ospedale è stato complicatissimo. E anche l'opera di reclutamento: avremo 180 infermieri e 50 anestesisti rianimatori, più 20 medici e 65 infermieri per la parte di degenza medica. Per gli infermieri abbiamo anticipato di una settimana le lauree - precisa - per consentirgli di iniziare a lavorare con una laurea in tasca. Per quanto riguarda i medici abbiamo dovuto ricorrere, grazie al fatto che siamo un policlinico universitario, all'assunzione di specializzandi del quarto e del quinto anno".