Batterio New Dehli, info e misure ad hoc da Ausl Toscana centro


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Firenze, 17 set. (AdnKronos Salute) - Informazione capillare in tutte le strutture dell'Ausl Toscana centro sulle procedure e i comportamenti da adottare rivolte ai pazienti e alle loro famiglie, al fine di contrastare i microrganismi multiresistenti agli antibiotici. A comunicarlo l'Ausl, dopo l'allarme legato alla diffusione del batterio New Delhi. "Le infezioni sostenute da batteri con questo tipo di meccanismo di resistenza sono difficili da trattare, perché i più comuni antibiotici hanno perso la loro efficacia: ecco perché è nell’interesse di tutti limitarne la diffusione. Si tratta di germi - sottolinea l'Ausl - per i quali è difficile prescrivere una terapia efficace e che possono essere responsabili di infezioni soprattutto in quei pazienti con difese immunitarie ridotte".

Le nuove indicazioni vanno dalla regola più semplice, quella di adottare un efficace lavaggio delle mani, a misure di prevenzione e controllo, all'utilizzo delle protezioni individuali, fino ai comportamenti da osservare per impedire il più possibile il diffondersi di un’infezione. Le procedure raccomandate ai cittadini hanno l’obiettivo di contenere la diffusione dei germi multi resistenti e di omogeneizzare comportamenti e interventi. Per contrastare la diffusione dei germi multiresistenti "sono state messe a punto procedure aziendali omogenee, standardizzate e regolamentate da indicazioni di misure irrinunciabili, dove l'elemento chiave è il tempestivo riconoscimento del paziente colonizzato/infetto e il suo rapido isolamento", si legge in una nota.

La nuova campagna informativa sui microrganismi multiresistenti va ad integrare quella sul corretto lavaggio delle mani, "che costituisce un formidabile mezzo di prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza".