B-LLA R/R: il trapianto è in grado di prolungare i benefici dalla terapia con cellule CAR-T?

  • Jiang H & al.
  • Am J Hematol
  • 18/07/2019

  • David Reilly
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche (allogeneic hematopoietic stem cell transplant, allo-HSCT) consolidativo dopo la terapia con cellule T con recettore chimerico di antigene (chimeric antigen receptor T, CAR-T) determina miglioramenti significativi in termini di sopravvivenza libera da eventi (event-free survival, EFS) e sopravvivenza libera da recidiva (relapse-free survival, RFS) nei pazienti con leucemia linfoblastica acuta a cellule B recidivante/refrattaria (B-LLA R/R) e alta (≥5%) malattia residua minima nel midollo osseo mediante citometria a flusso (bone marrow minimal residual disease by flow citometry, BM-FCM-MRD) prima dell’infusione o marcatori prognostici infausti.

Perché è importante

  • I pazienti che ottengono remissione completa (complete remission, CR) con la terapia con cellule CAR-T rimangono ad alto rischio di recidiva.

Disegno dello studio

  • Studio volto a esaminare l’allo-HSCT dopo la terapia con cellule CAR-T anti-CD19 in 58 pazienti con B-LLA R/R.
  • Finanziamento: National Natural Science Foundation of China; Major Technological Innovation Special Project della Provincia di Hubei, Cina.

Risultati principali

  • Cinquantotto pazienti hanno ricevuto terapia con cellule CAR-T, l’87,9% dei quali ha ottenuto CR.
  • Nessuna differenza significativa in termini di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) nei pazienti con trapianto rispetto a senza: P=0,099.
  • EFS migliore con trapianto rispetto a senza: P=0,021.
  • RFS migliore con trapianto rispetto a senza: P=0,001.
  • Miglioramento significativo di EFS e RFS nei pazienti sottoposti a trapianto con:
    • alta (≥5%) BM-FCM-MRD, rispettivamente P=0,032 e 0,0031;
    • BM-FCM-MRD prima dell’infusione

Limiti

  • Studio non randomizzato.