Aumento del rischio di cancro in bambini nati dopo trasferimento di embrioni congelati


  • Alessia De Chiara
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Tra i nati in Danimarca tra il 1996 e il 2012, i bambini concepiti a seguito di un trasferimento di embrioni congelati hanno un rischio di cancro infantile doppio rispetto ai bambini nati da donne fertili.
  • In particolare, il rischio maggiore è di leucemia e di tumori del sistema nervoso simpatico.
  • Altri trattamenti dell’infertilità materna, incluso l’uso di farmaci o di tecnologia di riproduzione assistita (ART), quali la fecondazione in vitro o l’iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo, non si associano ad aumento del rischio.

Descrizione dello studio

  • Lo studio retrospettivo di coorte ha incluso 1.085.172 bambini nati in Danimarca tra il 1996 e il 2012.
  • Il rischio di cancro dei bambini è stato valutato in base al trattamento di fertilità materno durante l’index pregnancy, incluso l’uso di farmaci per la fertilità (clomifene [n=33.835], gonadotropine [n=57.136], analoghi dell'ormone di rilascio delle gonadotropine [n=38.653], gonadotropina corionica umana [n=68.181], progesterone [n=41.628], estrogeni [n=16.948]) e di ART (fecondazione in vitro [n=19.448], iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo [n=13.417] e trasferimento di embrioni congelati [n=3.356]).
  • Ogni esposizione è stata esaminata separatamente e confrontata a bambini nati da donne fertili (n=910.291).
  • Fonti di finanziamento: Danish Childhood Cancer Foundation ed altri enti.

Risultati principali

  • Durante 12,2 milioni anni-persona di follow-up (media 11,3 anni) un totale di 2.217 bambini ha avuto una diagnosi di cancro.
  • Il tasso di incidenza di cancro infantile è stato di 17,5 per 100.000 per i bambini nati da donne fertili e di 44,4 per 100.000 per i bambini nati dopo trasferimento di embrioni congelati.
  • Rispetto ai bambini nati da donne fertili, il trasferimento di embrioni congelati è stato associato a elevato rischio di cancro infantile (14 casi; HR 2,43 [IC 95% 1,44-4,11]; differenza del tasso di incidenza 26,9 [IC 95% 2,8-51,0] per 100.000).
  • Questi bambini hanno avuto un rischio aumentato di leucemia (5 casi; tasso di incidenza 14,4 per 100.000; HR 2,87 [IC 95% 1,19 a 6,93]; differenza del tasso di incidenza 10,1 [IC 95% −4,0 a 24,2] per 100.000) e di tumori del sistema nervoso simpatico (
  • Non sono state osservate associazioni statisticamente significative con altri tipi di trattamento per la fertilità esaminati.

Limiti dello studio

  • Pochi casi di cancro infantile.
  • Le donne potrebbero non aver usato i farmaci per la fertilità prescritti.
  • Possibili confondenti residui.

Perché è importante

  • I bambini nati attraverso ART, in aumento in tutto il mondo, hanno rischi maggiori di outcome avversi perinatali, ma gli studi che hanno indagato il loro rischio di cancro sono contrastanti.