Aumento dei test del PSA dopo la pubblicazione delle raccomandazioni dell’USPSTF del 2017

  • Leapman MS & et al.
  • JAMA Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I test del PSA sono aumentati dopo la pubblicazione, nel 2017, della bozza di dichiarazione della United States Preventive Services Task Force (USPSTF) sullo screening del tumore prostatico.
  • L’aumento dei test si nota anche negli uomini anziani.

Perché è importante

  • Le linee guida sullo screening del tumore prostatico dell’USPSTF del 2017 riclassificano lo screening del PSA per il tumore prostatico da raccomandazione di grado D a raccomandazione di grado C.
  • I test del PSA sono aumentati negli uomini anziani, per i quali i benefici dello screening sono meno probabili.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte retrospettivo di 8.087.565 uomini di età compresa tra 40 e 89 anni sottoposti a screening del tumore prostatico tra il 2013 e il 2019.
  • Finanziamento: NCI.

Risultati principali

  • Variazione nei test del PSA mediani su 100 anni-persona e aumento relativo tra il 2016 e il 2019:
    • complessivamente, da 32,5 a 36,5 test e aumento relativo del 12,5%;
    • 40–54 anni di età, da 20,6 a 22,7 test e aumento relativo del 10,1%;
    • 55–69 anni di età, da 49,8 a 55,8 test e aumento relativo del 12,1%;
    • 70–89 anni di età, da 38,0 a 44,2 test e aumento relativo del 16,2%.
  • Dopo la pubblicazione, nell’aprile 2017, della bozza dell’USPSTF è stata osservata una tendenza a un aumento significativo dei test del PSA (0,30 test su 100 anni-persona per ciascun periodo bimestrale, P<0,001).

Limiti

  • Studio retrospettivo.