Associazione tra obesità materna e parto pretermine


  • Roberta Villa — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

 

  • L'obesità materna pre-gravidanza è significativamente associata al rischio di parto pretermine nella popolazione generale, ma il rischio differisce in base all'età e all'etnia della madre.

 

Descrizione dello studio

 

  • Studio di coorte basato sui dati del National Vital Statistics System degli Stati Uniti (2016-2017).
  • Sono state incluse tutte le madri con neonato vivo e senza condizione di ipertensione o diabete.
  • L'obesità pre-gravidanza è stata definita da BMI≥ 30 kg/m2.
  • La nascita pretermine è stata definita come un'età gestazionale inferiore a 37 settimane.
  • Finanziamento: US National Institutes of Health.

 

Risultati principali

 

  • Dei 7.141.630 nati vivi presenti nel database, 527.637 (7,4%) erano nati prematuri.
  • Tra le nascite premature, nel 7,5% dei casi le madri erano ispaniche, nel 6,6% bianche non ispaniche e nel 10,4% nere non ispaniche.
  • Nella popolazione generale, l'obesità materna pre-gravidanza è risultata significativamente associata a un aumentato rischio di parto pretermine (OR 1,18, IC 95%, 1,18–1,19).
  • Nelle donne bianche non ispaniche, l'obesità materna è risultata inversamente associata alla nascita pretermine tra le giovani 20 anni, con rischio crescente fino a 40 anni: dai 20 ai 24 anni OR=1,04, tra i 25 e i 29 OR=1,20, tra i 30 e i 34 OR=1,34, tra i 35 e i 39 anni OR= 1,40, e oltre i 40 OR=1,39.
  • Nelle donne ispaniche, l'obesità materna non è risultata associata alla nascita pretermine tra le giovani
  • Nelle donne nere non ispaniche, l'obesità materna è risultata inversamente associata alla nascita pretermine tra le giovani 30 anni (OR=1,15 tra i 30 e i 34, OR=1,26 tra i 35 e i 39 e OR=1,29 dai 40 in su).

 

Limiti dello studio

 

  • Peso e altezza pre-gravidanza sono auto-riferiti.
  • Sconosciuto il motivo di ciascun parto pretermine.
  • Donne con diabete o ipertensione sono state escluse dall'analisi, e quindi i risultati non possono essere generalizzati a queste sottopopolazioni.

 

Perché è importante

 

  • Mancano a tutt’oggi nelle linee guida raccomandazioni cliniche specifiche che tengano conto del diverso rischio di parto prematuro nelle donne obese, in relazione a età ed etnia.