Aspirina e omega-3 riducono i polipi intestinali precancerosi

  • Lancet

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’aspirina e l’acido grasso polinsaturo omega-3 eicosapentaenoico (EPA) non riducono l’incidenza di adenoma del colon-retto in una popolazione ad alto rischio, ma un’analisi secondaria evidenzia una riduzione del numero medio di polipi, specialmente quando i 2 agenti vengono combinati.

Perché è importante

  • L’aspirina non è utilizzata per la prevenzione sporadica del tumore del colon-retto, data l’incertezza sulla dose migliore e la popolazione bersaglio.
  • La riduzione del numero di polipi si traduce probabilmente in un effetto clinicamente significativo.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione multicentrica, controllata con placebo sulla prevenzione dei polipi seAFOod di 709 partecipanti classificati come ad alto rischio dopo la colonscopia.
  • I partecipanti sono stati assegnati casualmente a ricevere placebo, aspirina (300 mg), EPA (2 g EPA 99% oppure 2.780 mg EPA 90%) o aspirina + EPA. Colonscopia di sorveglianza dopo 1 anno.
  • Finanziamento: Efficacy and Mechanism Evaluation Programme.

Risultati principali

  • Adenomi medi per partecipante:
    • placebo, 1,4 (DS: 2,0);
    • EPA, 1,6 (DS: 2,1);
    • aspirina, 1,3 (DS: 1,6);
    • EPA + aspirina, 1,0 (DS: 1,2),
  • Tutti gli adenomi del colon-retto:
    • EPA vs. senza EPA, rapporto di rischio (RR): 0,98 (IC 95%: 0,87–1,12);
    • aspirina vs. senza aspirina, RR: 0,99 (IC 95%: 0,87–1,12).
  • Adenomi del colon-retto in stadio avanzato:
    • EPA vs. senza EPA, RR incidenza (IRR): 0,82 (IC 95%: 0,43–1,56);
    • aspirina vs. senza aspirina, IRR: 0,99 (IC 95%: 0,52–1,86).

Limiti

  • Breve periodo di sorveglianza.